In questo sito utilizziamo cookies propri e di terze parti per migliorare la navigazione e poter offrire contenuti e messaggi pubblicitari personalizzati. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra (Informativa). Nelle impostazioni del tuo browser puoi modificare le opzioni di utilizzo dei cookie.


Calcio | Dilettanti | Serie D

Il punto del D...irettore

Di Mirco Mariotti 04/12/2018


Il punto del D...irettore

Foto dell'Ufficio Stampa Modena F.C. 2018


 

Weekend non banale in Serie D nell'ultimo turno di campionato. Nel girone D il Modena batte di misura la Reggio Audace davanti a 12.427 spettatori e mantiene saldo il comando della classifica mantenendo sei punti di vantaggio su un'ottima Pergolettese che regola tra le mura amiche il Pavia. Nel girone F perde il Matelica a Jesi ed il Cesena, vittorioso a Monte San Giusto contro il Montegiorgio, si porta a "soli" quattro punti dalla vetta. Ma andiamo ad analizzare partita per partita quello che è successo sui campi che hanno visto protagoniste le formazioni emilianoromagnole.

Partiamo dal girone D e dallo stadio "Braglia" dove il Modena batte la Reggio Audace per 1-0 consolidando così il primato in classifica, davanti ad una cornice di pubblico che farebbe invidia anche alla Serie A. Sono i Granata inizialmente a fare la partita, ma lentamente i gialloblù canarini, ben disposti in campo da Apolloni, avanzano il baricentro. Ma, come ogni derby o big match che si rispetti, le occasioni vere da gol si contano sulle dita di una mano e serve un episodio per sbloccarla. Minuto 66, Ndoj scatta sulla destra, scambia con Sansovini e poi serve Boscolo Papo che cerca il diagonale verso la porta, in realtà il tiro diventa un assist per quel rapace d'area di Ferrario che, in piena area piccola, devia quel tanto che serve a battere Narduzzo (nella foto l'esultanza). Mister Antonioli cerca di rimediare sfruttando i cinque cambi che aveva a disposizione, ma i reggiani non riusciranno più a mordere, ed il Modena e la curva "Montagnani" può festeggiare l'ennesimo successo in campionato.
Continua a navigare nelle zone altissime della classifica la Vigor Carpaneto, vittoriosa nettamente per 4-0 sul fanalino di coda Classe. Piacentini già in gol dopo due minuti ma la rete di Carrozza viene annullata per fuorigioco. Il gol valido arriverà alla mezz'ora, verticalizzazione di Baschirotto per il micidiale Rantier che con un pallonetto scavalca Bovo mandando la palla in rete. Al 55' ancora Baschirotto innesca Mauri che poi appoggia a Corioni che realizza il raddoppio. Lo stesso esterno biancazzurro realizza la sua doppietta personale cinque minuti più tardi appoggiando in rete un cross dalla sinistra di Barba. I ravennati escono dal guscio e cercano di salvare l'onore con il gol della bandiera, ma a realizzare il poker è la Vigor a cinque minuti dalla fine ancora con Rantier, ben servito da Carrozza. Quinta sconfitta consecutiva, e zero punti in trasferta, per il Classe che rischia seriamente di abbandonare presto ogni velleità di salvezza.
Colpo importante in chiave salvezza per il Lentigione che regola per 1-0 il Fiorenzuola. E' bastato un lampo dopo centoventi secondi per portare a casa i tre punti: cross di Tamagnini in area per Roma che di testa, all'altezza del limite dell'area piccola, anticipa Libertazzi in uscita con la palla che rotola dentro il sacco. Il gol spiazza la formazione ospite, incapace nella prima frazione di gioco di rendersi pericolosa. Nella ripresa il Fiorenzuola tenta qualche sortita offensiva e, nonostante l'inferiorità numerica patita dal 65' a causa del doppio giallo comminato a Guglieri, prova a cercare il pareggio. Bravo l'esordiente Cheli a respingere un tiro sottomisura di Saporetti al 74'. Ma l'occasionissima ospite arriva al 92' quando, durante un furioso parapiglia in area reggiana, Corbari di testa colpisce la traversa.
Allo "Zucchini" di Budrio pareggio sofferto del Mezzolara per 1-1 contro l'ottimo Crema. Ospiti al 5' subito in vantaggio sugli sviluppi di un corner battuto da Radrezza, palla che giunge al limite a Magrin che di destro spedisce la palla nell'angolino basso alla destra di Malagoli. I bolognesi soffrono il palleggio dei cremaschi e si fanno vedere soltanto con due tiri velleitari di Mezzetti e Kharmoud su cui Marenco respinge in tuffo senza troppi patemi. Nella ripresa il Mezzolara cresce ma è grazie ad una palla inattiva che trova il gol del pareggio, esatamente al minuto 82, palla scodellata in area da Lo Russo, il neoentrato Grazhdani colpisce di testa disegnando una parabola che termina la sua corsa sotto l'incrocio dei pali.
Bel colpo del Sasso Marconi che, ancora in Zona Cesarini, porta a casa un successo importantissimo per 1-2 sul terreno dell'Adrense. Al 13' la formazione di mister Moscariello passa in vantaggio, bella azione di Rrapaj che serve Garni un assist solo da depositare in rete. Al 44' i bresciani agguantano il pareggio, discesa di Farimbella, palla per Faini che serve rasoterra Ademi che infila Monari. Partita che nella ripresa sembra scivolare via in un pareggio che potrebbe accontentare tutti, ma al minuto 91, sugli sviluppi di un calcio d'angolo, Mele è abilissimo di testa ad anticipare i difensori bresciani ed a battere Festa realizzando il gol vittoria per il Sasso.
Scoppiettante 3-3 tra Axys Zola e Ciliverghe Mazzano al "Filippetti" di Riale, pareggio sudatissimo per i bolognesi, bravi ad impattare nonostante la doppia inferiorità numerica. Al 10' Axys in vantaggio, incomprensione tra Cortinovis e Valtorta, Mantovani si inserisce e deposita la palla in rete. La reazione dei bresciani è immediata ed il pareggio arriva al minuto 40 quando un traversone di Andriani giunge sulla capoccia di Mauri che trafigge Bruzzi. Nel primo minuto di recupero della prima frazione di gioco, i padroni di casa tornano in vantaggio grazie ad un calcio piazzato che Cestaro trasforma in gol, terzo stagionale, con un colpo di testa che non lascia scampo a Valtorta. Nella ripresa meglio il Ciliverghe che mette in seria difficoltà la formazione di Cristiani che, nel giro di pochi minuti, rimane in nove uomini, prima al 64' seconda ammonizione subita da Ben Bahari e, successivamente, al 72' Martino, entrato da un minuto, rifila una gomitata a Vignali e doccia anticipata. La squadra di Tagliani approfitta del doppio vantaggio numerico e ribalta il punteggio. Il pari arriva al minuto 77 con un bel destro dal limite di Vignali e, due minuti più tardi Del Bar devia un cross di Bitihene realizzando la rete del sorpasso. Ma l'Axys ci mette il cuore ed agguanta al minuto 84 un penalty per atterramento di Cestaro da parte dell'esperto Minelli, dal dischetto si presenta Scalini che trafigge Valtorta segnando la rete di un'insperato pareggio.
Allo "Sbrighi" di Castiglione di Ravenna termina sull'1-1 la sfida tra San Marino e Calvina Sport. I Titani giocano meglio, con il giovane Rrasa, classe 2002, sempre sugli scudi, che si fa respingere miracolsamente da Micheletti un suo colpo di testa ravvicinato. Il San Marino passa con merito al minuto 80, sponda di testa di Rrasa per Guarino che deve soltanto appoggiare la palla dentro la porta. Ma a quattro minuti dalla fine arriva la beffa, Guarino atterra in area Triglia, l'arbitro indica il dischetto. Dagli undici metri si presenta lo stesso Triglia, Pozzi intuisce il tiro ma non impedisce il gol del pareggio, risultato stretto per la squadra allenata da mister Simone Muccioli.
Nelle due rimanenti sfide della 13a giornata, la Pergolettese batte il Pavia per 2-1 e si lancia al secondo posto, mentre l'Oltrepovoghera regola per 2-0 un Fanfulla in fase calante.

Passiamo al girone F ed al successo fondamentale del Cesena che batte a domicilio (in realtà a Monte San Giusto) per 1-2 il Montegiorgio, avvicinandosi alla vetta. Primo tempo che vede meglio i bianconeri, anche se l'impressione è quella solita, di un Cesena che senza Ricciardo fatica a concretizzare in gol quello che costruisce. Nella ripresa la musica cambia, passano tre minuti ed il Cesena passa in vantaggio, azione personale di Valeri che termina la sua corsa con un tiro che viene respinto dall'imperfetto Perfetti, Capellini è nei paraggi e ribadisce la palla in rete. I marchigiani al 72' trovano a sorpresa il pareggio grazie al neoentrato Marchionni che riceve palla dalla trequarti, entra in area e di punta manda nell'angolino basso alla sinistra di un'incolpevole Agliardi. Ma due minuti più tardi il Cesena è di nuovo avanti, azione sulla destra di Tola che supera due avversari e crossa in mezzo, Perfetti respinge in maniera goffa, ben appostato a centro area c'è il neoacquisto Fortunato che, di testa, manda in rete il gol vittoria.
Colpo che vale il terzo posto per la Sangiustese che espugna 0-1 Santarcangelo. Romagnoli poco cinici sottoporta, che trova in Chiodini avversario difficile da superare. Al 63' il gol lo trova Maini in mischia, ma l'arbitro aveva già fermato il gioco per offside. Partita stregata per il Santarcangelo che subisce al minuto 86 il gol dei marchigiani grazie ad una ripartenza micidiale concretizzata da Scognamiglio.
A Martorano era di scena il superderby tra Savignanese e Sammaurese, terminato a favore degli ospiti per 0-1. Ospiti molto meglio nel primo tempo, ad inizio ripresa meglio la Savignanese, ma nel suo momento migliore, al minuto 55 sugli sviluppi di un corner dalla sinistra, Maioli di testa anticipa tutti sul primo palo realizzando il gol vittoria per la Sammaurese. Finale incandescente, ne paga le conseguenze la Savignanese che chiude in nove per le espulsioni di Brigliadori al minuto 86 per doppia ammonizione e, in pieno recupero, di Gregorio per una gomitata ai danni di Pieri.
Pareggio a reti bianche tra Forlì e SN Notaresco. Al 5' l'arbitro annulla un gol ad Ambrosini per un fuorigioco che, immagini alla mano, era chiaramente inesistente. Ma la partita è prevalentemente nelle mani degli abruzzesi che, a più riprese, sfiorano il gol del vantaggio. Solo nella ripresa i Galletti diventano più propositivi ma il primo tiro verso la porta di Monti arriva soltanto in pieno recupero.
Nelle altre partite della 15a giornata la Jesina dà un dispiacere alla capolista Matelica sconfiggendola per 1-0 mettendo in cascina tre punti importanti per la salvezza. Vince il Pineto 2-0 contro il Castelfidardo ed aggancia in zona play off la Recanatese, stoppata sull'1-1 casalingo dal Francavilla. Colpo importante del Real Giulianova che vince 0-1 sul campo della Vastese, mentre l'Isernia batte l'Avezzano per 2-1. Chiude il 2-2 nel derby molisano tra Città di Campobasso ed Olympia Agnonese.















Vuoi commentare questa notizia ? Effettua il login o registrati



PUBBLICITA'

PUBBLICITA'