In questo sito utilizziamo cookies propri e di terze parti per migliorare la navigazione e poter offrire contenuti e messaggi pubblicitari personalizzati. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra (Informativa). Nelle impostazioni del tuo browser puoi modificare le opzioni di utilizzo dei cookie.


Basket | Dilettanti | DNB

Tigers Amadori Cesena vs New Flying Balls Ozzano 62 - 53

Di Massimo Framboas 12/01/2020


Tigers Amadori Cesena  vs New Flying Balls Ozzano   62 - 53

Seguici su Facebook : BASKET EMILIAROMAGNA


Vittoria di assoluto spessore quella contro Ozzano, che consente alla Amadori Tigers Cesena di centrare l’ottava vittoria casalinga su 8 partite disputate al Carispor, nonché la terza vittoria consecutiva dopo lo stop subito a Chieti. Ci è voluto il massimo impegno in difesa però per avere la meglio contro una Sinermatic che ha fatto soffrire Cesena nei primi 10 minuti domandola a rimbalzo e affossandola dall’arco. Determinante il 23-9 di un secondo quarto nel quale i romagnoli costringono Ozzano a ben 11 palle perse, per un totale di 17 nel solo primo tempo, ed il dimezzamento degli emiliani nella percentuale dall’arco, dal 66% al 33% nei secondi 10 minuti di gara. Caparbietà difensiva che segna anche l’intero secondo tempo di una partita vibrante, intensa e contornata da una cornice di pubblico semplicemente stupenda, con quasi un migliaio di tifosi ad intonare Romagna Mia a pochi minuti dalla sirena. È una vittoria di squadra, anche se alla fine la palma di MVP spetta ad un Marco Planezio da 15 punti, 8 rimbalzi ed il 50% dal campo, bottino conquistato per lo più quando c’era da vanificare i tentativi di rientro di Ozzano. Non fa orami più notizia la doppia doppia di Papa, 11+11, a dare manforte quando gli avversari offrivano l’illusione di poter regalare il primo dispiacere casalingo ai bianconeri. Che dire poi dell’asfissiante difesa messa in campo da un Trapani ritrovato ed ormai in costante crescita? Se Ozzano ha perso complessivamente 26 palle, buona parte del merito è del piccolo furetto bianconero. Con una Cesena così, coach Di Lorenzo si è potuto prendere pure il lusso di non schierare David Brkic, fermo ai box da giovedì. I Tigers fanno così un importante pieno di fiducia prima di una serie di partite destinate a segnare la classifica finale fin da ora. Domenica si va a Jesi poi altro anticipo, sabato 25 gennaio, quando al Carisport arriverà la primatista Fabriano.

Vista l’assenza del capitano, DI Lorenzo regala l’ennesimo quintetto alla sorpresa Hajrovic, che incappa nella prima partita opaca dopo una ottima serie. Attorno a lui Planezio e Papa, mentre la cabina di regia è affidata ad Emanuele Trapani, affiancato da Matteo Frassineti. Sul pronti via è Ozzano a sprintare meglio, con la bomba di Corcelli ed il gioco da 3 di Morara. Cesena è imprecisa in attacco e soprattutto sovrastata a rimbalzo. Ma dall’altra parte del campo è una anaconda che lentamente avvolge le spire attorno alla preda. Così gli emiliani non scappano e Cesena si può perdonare percentuali al tiro, soprattutto a cronometro fermo, decisamente rivedibili. A 5’04’’ è 7-11 ed i bianconeri costringono la Sinermatic alla terza infrazione di 24’’. Poi però Ozzano prende quota nella seconda metà di primo quarto. Dopo il time out chiamato da Di Lorenzo a 3’16’’ sul 10-16 esterno con parziale aperto di 0-5, gli ospiti pescano la seconda bomba di fila di Mastrangelo che vale il 10-19 e poi tocca all’ex di turno, Riccardo Iattoni, firmare sempre dall’arco lo 0-11 di parziale. Limita i danni per Cesena Marco Planezio che, sul finire di primo quarto, firma dai 6,75 il mini parziale di 5-0 che mande le squadre al primo mini riposo sul 17-22.

Nel secondo quarto i Tigers cambiano registro in attacco, immancabilmente ispirati dalla difesa. Un tap-in di Papa e una magia di pura classe di Frassineti mettono i bianconeri in scia e, a 4’27’’ dall’intervallo lungo, la tripla di Battisti scrive il 26-27. La partita è meravigliosamente intensa e al contempo corretta. Tensione agonistica e rispetto reciproco permeano ogni azione. Dordei rende la pariglia al playmaker romagnolo, ma poco dopo Ozzano lascia troppo libero il giovanissimo Hajrovic di segnare il suo primo e unico canestro dal campo. Così, quando Planezio si presenta in lunetta a 2’14’’, il suo 2/2 vale la prima parità della partita dalla palla a due, a quota 30. Trapani a questo punto appare in trance agonistica. Un incubo per la Sinermatic! Da un suo rimbalzo difensivo nasce il primo e unico sorpasso cesenate. Già, perché da questo canestro di Papa a 1’39’’ dalla fine del primo tempo, gli ospiti non conosceranno più vantaggio. Subito dopo è ancora il numero 4 bianconero a recuperar palla e a mettersi in proprio per il 34 – 30. Sempre di Trapani il 36 – 20 ed il 38 – 31, dopo l’ennesima palla recuperata. Di Chiappelli il canestro che vale il 40-31 del riposo e soprattutto il 23-9 di secondo quarto. Fra il canestro di Chiappelli e la sirena…l’ennesima recuperata di Emanuele Trapani.

Cesena segnerà complessivamente nei due quarti successivi meno di quanto realizzato nel solo secondo quarto. Nonostante questo però, grazie all’intensità difensiva, vanificherà qualunque tentativo di Oazzano. Anzi, a 1’11’’ dalla fine del terzo quarto, a cronometro fermo Planezio imbuca i liberi del +9 e, nell’azione successiva, l’arresto e tiro di Battisti, praticamente a fil di sirena, regalano ai bianconeri il 54 – 43. Vantaggio dunque in doppia cifra nonostante le triple di Dordei prima del 44-36 e poi del 46-43 a 3’43’’.

Tocca a Frassineti firmare per primo il massimo vantaggio Tigers sul 56-43 a inizio di ultimo quarto. Un +13 che ritorna a 7’21’’ dal gong con Marco Planezio, con uno tiro in allontanamento da cineteca, che vale il 58-45. Se il secondo quarto ha portato la firma di Trapani, l’ultimo è quello di Planezio. Decisivo in difesa, presente a rimbalzo, chirurgico nel segnare i canestri che minano il morale della truppa di coach Grandi. Così, in un quarto in cui si segna col contagocce, con le squadre stremate da una battaglia intensa e con Cesena che non molla un colpo in difesa, Quando Folli segna da 3 il 58-48 occorre aspettare addirittura 2’18’’ per vedere segnare qualcuno. Quel qualcuno è ovviamente Marco Planezio che a 1’54’’ scrive la parola fine sul 60-48 derubricando di fatto in anticipo a vano sussulto la tripla di Corcelli a 1’47’’. Le squadre hanno ancora falli da spendere. Di energie invece neanche l’ombra. L’epica battaglia si chiude con le sessioni di Trapani e Dordei dalla lunetta. Persorso netto il primo, 1/2 il totem emiliano ed il derby va in archivio 62-53 con i tifosi bianconeri meravigliosamente festanti sugli spalti di un inviolato Carisport.

Amadori Tigers Cesena – Sinermatic Ozzano 62-53 (17-22, 23-9, 14-12, 8-10)

Amadori Tigers Cesena: Marco Planezio 15 (4/8, 1/2), Francesco Papa 11 (4/10, 1/1), Emanuele Trapani 10 (3/5, 0/1), Gioacchino Chiappelli 9 (3/5, 0/4), Matteo Frassineti 6 (3/4, 0/2), Matteo Battisti 5 (1/3, 1/4), Tarik Hajrovic 4 (1/6, 0/0), Andrea Scanzi 2 (1/8, 0/4), Giacomo Guidi 0 (0/0, 0/0), Filippo Rossi 0 (0/0, 0/0), David Brkic 0 (0/0, 0/0). All.: Giampaolo Di Lorenzo. Ass.: Michele Belletti.

Tiri liberi: 13 / 16 – Rimbalzi: 35 11 + 24 (Francesco Papa 11) – Assist: 7 (Marco Planezio, Matteo Battisti, Andrea Scanzi 2)

Sinermatic Ozzano: Luigi Dordei 16 (2/7, 3/3), Nunzio Corcelli 8 (1/2, 2/5), Riccardo Iattoni 7 (2/4, 1/3), Nicola Mastrangelo 6 (0/1, 2/3), Riccardo Crespi 5 (2/3, 0/1), Marco Morara 4 (1/5, 0/2), Lorenzo Folli 3 (0/0, 1/2), Mario Chiusolo 2 (1/3, 0/4), Luca Montanari 2 (1/2, 0/4), Matteo Galassi 0 (0/0, 0/2), Giancarlo Favali 0 (0/0, 0/0), Alessandro Lolli 0 (0/0, 0/0). All.: Federico Grandi. Ass.: Luca Pizzi.

Tiri liberi: 6 / 9 – Rimbalzi: 39 9 + 30 (Nunzio Corcelli, Riccardo Iattoni 6) – Assist: 10 (Nunzio Corcelli, Riccardo Iattoni, Marco Morara, Mario Chiusolo 2)


Massimo Framboas
UFFICIO STAMPA & COMUNICAZIONE




Amadori Tigers Cesena vs New Flying Balls Sinermatic Ozzano 62 - 53

Di Marco Rivola 12/01/2020


Amadori Tigers Cesena  vs New Flying Balls Sinermatic Ozzano  62 - 53

Seguici su Facebook : BASKET EMILIAROMAGNA


Rivincita Tigers, la Sinermatic
cade a Cesena

 

L’Amadori Cesena si prende il derby emiliano-romagnolo battendo 62 a
53 i New Flying Balls, dopo un match caratterizzato da una forte intensità
difensiva di entrambe le squadre, con la Sinermatic che però può e deve recriminare
sulle 26 palle perse, troppe per poter pensare di impensierire a domicilio Cesena.


Ozzano parte forte: una tripla di Corcelli apre le danze, Morara con
un canestro e fallo fa 0-6; Cesena non tarda ed entra in partita e, con le
segnature di Papa e Planezio, arriva sul 10-11 al minuto 5 e 30”. Due triple di
Mastrangelo e 5 punti di Iattoni valgono il +12 e massimo vantaggio Flying Balls
al minuto 8 (10-22), ma gli ultimi 90 secondi del quarto sono tutti di marca
bianconera e, merito di un 7-0 di parziale, Cesena si porta a -5 alla prima
sirena (17-22).

Nel secondo quarto Ozzano ci mette quasi tre minuti per trovare la via
del canestro. Nel frattempo Papa e Frassineti riavvicinano l’Amadori sul -1
(21-22 al 13’). La Sinermatic finalmente si sblocca con Crespi, ma ogni
tentativo di allungo ospite viene fermato dai padroni di casa, che al minuto 18
trova con Planezio il pareggio (30-30) e
poi con Papa il sorpasso, il primo della serata. Sul finale di quarto
nasce un po’ di nervosismo, complice la coppia arbitrale che sbaglia ad
assegnare i falli scambiando Montanari per Crespi. Dopo le proteste invane
della Sinermatic, gli arbitri prima dell’inizio del terzo quarto cambieranno la
decisione togliendo il terzo fallo di Montanari e assegnando il primo del pivot
numero 33 in maglia rossa. Grazie a Trapani e Chiappelli però, Cesena sfrutta al
meglio il momento di nervosismo ozzanese e in un amen trova il +9, vantaggio
che si porterà fino all’intervallo lungo (40-31).

Nel terzo periodo il protagonista in casa Sinermatic è Gigi Dordei,
che grazie ai suoi canestri dal campo e da fuori riavvicina i Flying fino al -1
(44-43 al 25’). Chiappelli ancora una volta interrompe il digiuno di canestri
dei Tigers, mentre è Ozzano che questa volta si blocca e negli ultimi minuti
del quarto non trova più la firma del canestro. Cesena ringrazia e con Planezio
e  Battisti arriva il nuovo allungo
Amadori fino al 54-43 alla terza sirena.

Nell’ultimo quarto Cesena sembra avere il controllo della partita.
Nonostante l’attacco romagnolo smette di segnare, Ozzano non riesce ad approfittarne
e dal -13 riusciranno ad avvicinarsi solo fino al -9 (canestri di Corcelli e Dordei).
Negli ultimi minuti non succede praticamente più nulla, si attende solo la
sirena finale che decreterà il verdetto della serata, con l’Amadori che vince
il derby contro la SInermatic per 62 a 53.

 

AMADORI CESENA – SINERMATIC OZZANO
62 -53

Parziali: 17-22; 40-31; 54-43

CESENA: Papa 11,Trapani 10,
Rossi ne,Battisti 5, Hajrovic 4, Guidi ne, Frassineti 6, Planezio15, Scanzi 2,
Chiappelli 2, Brkic ne – All.Di Lorenzo

OZZANO: Moarar 4, Chiusolo 2,
Mastrangelo 6, Corcelli 8, Iattoni 7, Folli 3, Favali n.e,. Dordei 16, Galassi ne,
Monanari 5, Timperi 3

 

Arbitri: Giordano (CL) – Caldarola ( BA)

Spettatori: 1.000

 

Ufficio Stampa Sinermatic Ozzano
Marco Rivola



Questa sera Tigers Amadori Cesena - Sinermatic Ozzano vale l'alta classifica

Di Massimo Framboas 11/01/2020


Questa sera Tigers Amadori  Cesena - Sinermatic Ozzano vale l'alta classifica

Seguici su Facebook : BASKET EMILIAROMAGNA

 

Prima di ritorno per la Amadori Tigers Cesena che nell’anticipo della 16^ giornata ospita la Sinermatic Ozzano di coach Grandi in quello che ormai si può considerare un classico del campionato di Seire B. Giunto infatti alla sua quarta edizione, il derby emiliano – romagnolo fra Cesena e Ozzano vede in vantaggio gli emiliani, usciti sconfitti solamente nella gara di andata della scorsa stagione, quando Cesena fu la prima a violare l’impianto emiliano al termine del girone di andata. Da allora solo vittorie ozzanesi, al Carisport sul finire della passata stagione, e sul parquet emiliano all’esordio nel settembre scorso. Una vittoria, quest’ultima, giunta vanificando il recupero dei Tigers sprofondati in un amen sul -21 ma poi capaci di risalire la china e mettere il muso avanti nei minuti finali. Altri Tigers però, che persero subito Frassineti e già stavano facendo i conti con un’infermeria che di lì a poco si sarebbe intasata, condizionando non poco il processo di formazione di un gruppo che ora invece sembra essere cresciuto tantissimo. Al di là della schiacciante vittoria in terra giuliese domenica scorsa infatti, l’aspetto da sottolineare in casa cesenate è la forte coesione fra allenatore e giocatori. Il primo a orchestrare il piano partita, i secondi ad eseguirlo in maniere pedissequa con una unità d’intenti che sfocia nella piena presa di coscienza dei propri mezzi e del proprio potenziale. Sì, potenziale. Perché, può sembrare strano a dirsi, la Amadori Tigers Cesena, quarta forza del campionato dopo 15 tornate, ha ancora un potenziale nemmeno troppo piccolo da esprimere. Dote assai importante per chi vuole puntare ad un playoff alto con ambizioni importanti in post season.

Attenzione però ad Ozzano, guidata dall’inesauribile faro Luigi Dordei e da quelle fiammate improvvise che possono arrivare da più elementi in qualunque momento. Farsi sorprendere, Cesena lo sa benissimo, potrebbe essere fatale, in qualunque momento del match. Dopo 15 partite gli emiliani occupano la settima posizione a quota 16 punti insieme a Chieti e Civitanova, appena 4 punti dietro alla coppia di quarte formata da Cesena e Rimini. Squadra dall’andamento scostante con una parità pressoché totale fra partite vinte e perse in casa e fuori, Ozzano stacca mediamente 71,2 punti a partita, contro i 76 segnati dai Tigers al Carisport, dove Cesena, fino alla partita di domenica scorsa a Giulianova, ha fatto vedere le cose migliori nel girone di andata. I numeri fanno presagire ad una partita equilibrata, ma la condizione fisica e mentale della Amadori Tigers Cesena pare far pendere l’ago della bilancia più verso la Romagna. Una cosa però è certa: contro Ozzano vietati i cali di tensione. Palla a due sabato 11 gennaio alle ore 20:30 al Carisport. Arbitrano Antonio Giuseppe Giordano di Gela (CL) e Marino Caldarola di Ruvo di Puglia (BA). Visto lo scontro diretto fra Cento e Piacenza, rispettivamente seconda e terza, una vittoria per Cesena potrebbe voler dire aggancio al terzo posto.

Per i tifosi di Ozzano verrà predisposta una biglietteria dedicata situata all’ingresso EST dell’impianto. Le biglietterie apriranno alle ore 19:30.

Il match sarà trasmesso in diretta streaming con ampio prepartita sulla pagina YouTube Tigers Cesena a cura dell’Area Comunicazione della Amadori Tigers Cesena e verrà riproposto da Teleromagna martedì 14 gennaio alle ore 22:30, su TRMia, canale 74 del digitale terrestre e sulla App TR24 alla sezione “Diretta” selezionando TRMia.

All’ingresso Ovest, per tutti i tifosi bianconeri sarà possibile ritirare gratuitamente il calendario 2020 dei Tigers Cesena. Sempre all’ingresso Ovest sarà allestito il Tigers Point dove poter acquistare tutto il merchandising ufficiale Cesena Basketball, compresa la nuovissima felpa Smoke, e prenotare o ritirare le divise da gioco personalizzate.

 

 
UFFICIO STAMPA & COMUNICAZIONE
Massimo Framboas



Ozzano nel fortino Tigers. Grandi: “La profondità del roster sia la nostra arma in più”

Di Marco Rivola 09/01/2020


Ozzano nel fortino Tigers. Grandi: “La profondità del roster sia la nostra arma in più”

Federico Grandi


Seguici su Facebook : BASKET EMILIAROMAGNA


Ozzano
nel fortino Tigers. Grandi: “La profondità del roster sia la nostra arma in più”

 

Il campionato di
Serie B è al giro di boa e la sfida in programma Sabato sera al Carisport fra
Amadori Cesena e Sinermatic Ozzano apre ufficialmente il girone di ritorno per
quanto riguarda il girone C.

I ragazzi della
Sinermatic, dopo il ko di Chieti di domenica scorsa, cercano la riscossa, ma sulla
strada per la conquista del primo referto rosa del 2020 c’è un’altra corazzata
che punta alla Serie A, una corazzata dal nome Tigers Cesena.

All’andata al
PalaGrafiche Reggiani Ozzano vinse 66 a 62 dopo un ottimo match disputato, ma
coach Grandi e i propri ragazzi sono consapevoli che questa volta troveranno di
fronte un’Amadori totalmente diversa rispetto a quella di tre mesi e mezzo fa.
I Tigers nell’ultimo periodo hanno recuperato i diversi infortuni che durante
il periodo autunnale hanno certamente limitato il lavoro di coach Di Lorenzo e
del proprio staff; bianconeri che arrivano a sfidare la Sinermatic avendo vinto
7 delle ultime 8 partite di campionato (sconfitta solo a Chieti alla 13^
giornata).

“Cesena è tra le big
del campionato ed è sicuramente la squadra più in forma del momento” -
avverte coach Federico Grandi alla vigilia del primo derby emiliano romagnolo
del girone di ritorno. “Dopo un periodo
dove hanno avuto tanti infortuni (Frassineti, Brkic e Planezio per fare
qualche nome) adesso hanno recuperato
tutti gli effettivi e possono sfruttare a pieno la loro profondità e grande
qualità del roster. Sono molto fisici in tutti i ruoli – prosegue l’allenatore
ozzanese - hanno giocatori di grande
talento ed esperienza per la categoria e in casa viaggiano con un ruolino di
marcia impressionante” (tra tutta la stagione scorsa e questo girone
d’andata solamente due squadre sono riuscite nell’impresa di espugnare il Carisport:
i Flying e la neopromsossa in A2 Orzinuovi, entrambe sul finire della passata
stagione).

Ma come arriva moralmente la Sinermatic all’impegno di sabato
dopo il -15 subito a Chieti? “Noi siamo
carichi e molto motivati, dobbiamo partite dall’ottimo secondo tempo giocato a
Chieti consapevoli che per fare un colpo soprattutto in trasferta non possiamo
prescindere dall’essere aggressivi e solidi in difesa per tutta la partita.”

La classifica continua fra l’altro ad essere parecchio corta.
“Si è concluso il girone di andata e la
classifica inizia a delinearsi, con le prime 5/6 squadre che lotteranno per
avere il miglior piazzamento possibile in griglia nei playoff mentre dietro c’è
tantissimo equilibrio con 6/7 squadre (tra cui anche noi) che ballano nel limbo
tra giocarsi un posto nei playoff e finire nella roulette dei playout.”

Un motivo in più per scendere in campo fin dalla palla a due
con gli artigli anche in quelle partite sulla carta proibitive come quella del
Carisport. “Dobbiamo lavorare duro
settimana dopo settimana, mettendo impegno e sacrificio per prepararci al
meglio ad ognuna delle 15 battaglie che ancora ci attendono. Sarà importante
recuperare al 100% tutti i ragazzi – conclude Grandi - perché la profondità del nostro roster deve essere l’arma in più di
questo girone di ritorno.”

Si gioca come detto al Carisport di Cesena sabato alle ore
20:30. Dirigeranno l’incontro i signori Giordano di Gela e Caldarola di Ruvo di
Puglia. Il match fra Amadori e Sinermatic potrà essere seguito sulla pagina
Facebook dei New Flying Balls attraverso la Diretta Audio, anche se la
vicinanza della trasferta spingerà sicuramente decine e decine di tifosi
ozzanesi a seguire dal vivo la SInermatic sulle tribune del Palasport romagnolo.

Ufficio Stampa Sinermatic Ozzano
Marco Rivola



Vuoi commentare questa notizia ? Effettua il login o registrati



PUBBLICITA'

PUBBLICITA'