In questo sito utilizziamo cookies propri e di terze parti per migliorare la navigazione e poter offrire contenuti e messaggi pubblicitari personalizzati. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra (Informativa). Nelle impostazioni del tuo browser puoi modificare le opzioni di utilizzo dei cookie.


Basket | Dilettanti | DNB

Luciana Mosconi Ancona – Ristopro Fabriano 82-73 (16-21, 21-16, 23-22, 22-14)

Di Alessandro Elia 12/01/2020


Luciana Mosconi Ancona – Ristopro Fabriano 82-73 (16-21, 21-16, 23-22, 22-14)

Seguici su Facebook : BASKET EMILIAROMAGNA

 

UNA SUPER LUCIANA MOSCONI STENDE LA CAPOLISTA. FABRIANO K.O AL PALAROSSINI

La Luciana Mosconi piazza il colpo grosso. In un Palarossini con una cornice degna di una categoria superiore, la squadra di Stefano Rajola gioca la partita perfetta e mette al tappeto la capolista Ristopro Fabriano che aveva perso soltanto una volta fuori casa e pareva non conoscere ostacoli anche davanti alla dea bendata. E invece i dorici hanno sfoderato una prova a dir poco eccezionale. Ottimo atteggiamento difensivo, gioco paziente di squadra e interpretando alla lettera il piano partita. Una vittoria che, come aveva detto il tecnico pescarese alla vigilia, serve per la classifica (ultimo posto ora distante 6 punti, agganciata Giulianova e dimezzate le distanze da Senigallia e Montegranaro lontane solo 2 punti) ma soprattutto per aumentare la consapevolezza della squadra nei propri mezzi. Sin dal suo arrivo coach Rajola ha detto che crede fermamente nelle potenzialità della sua squadra. Non è stato facile inculcare questa sicurezza in un gruppo che era ormai abituato alle sconfitte, ma il lavoro e la perseveranza sembrano aver sortito davvero i primi risultati.

40′ di grande qualità per una Luciana Mosconi che ha fronteggiato  a viso aperto il forte avversario accompagnato nel capoluogo da una invasione di fedelissimi.  Fabriano propone la novità di Fontana in quintetto, solito starting five per Rajola che parte con Ferri, Centanni, Gueye, Rinaldi e Baldoni. Le triple di Fontana e Paolin spingono avanti la Janus a inizio gara (4-10) ma Ancona entra subito in partita e con un parziale di 10-0 mette il naso avanti. Gueye ritrova feeling con il canestro il resto lo fanno Baldoni e Quaglia che duellano con Garri e portano i dorici sul 14-10. Il primo suono della sirena arriva dopo le triple di Petrucci e Del Testa che mandano Fabriano avanti 16-21.

L’inizio di secondo quarto è solo Luciana Mosconi. Break di 11-0 in favore dei locali con Quaglia che spalle a canestro è micidiale e  Centanni inizia a trovare continuità. 27-21 dopo 3′ con Pansa obbligato al time out. La tripla di Timperi scrive 30-23 per Ancona che se si mette a correre è difficile da fermare. Quaglia segna ancora e i locali vanno sul 37-30, poi prima dell’intervallo Ancona toglie lievemente il piede sull’acceleratore. Quel tanto che basta per innescare una super squadra come quella fabrianese. Fratto e Merletto accorciano (37-34) e Paolin sulla sirena mette la tripla del pareggio con dedica ai suoi tifosi. 37 pari e tutto da rifare per una buonissima Luciana Mosconi.

L’inizio ripresa è un botta e risposta a suon di tiri da tre punti. Rinaldi e Ferri da una parte, Garri e Radonjic dall’altra. Ancona è adesso trascinata dal suo capitano. Michele Ferri segna 8 punti in fila e porta i suoi avanti. Gli animi si accendono. L’incerta coppia arbitrale fischia un tecnico a Rajola al quale non va giù un fallo dubbio sanzionato a Centanni. Fabriano non capitalizza a dovere i tre liberi (percentuale dalla lunetta uno dei crucci della serata biancoblu ad Ancona) e le due squadre rimangono a contatto in un terzo periodo giocato a scacchi dalle due panchine. Un gioco da tre punti di Quaglia riporta tutti in parita (54-54) con Ancona che si affaccia all’ultimo quarto avanti 60-57 dopo la tripla di Simone Centanni.

Iniziano gli ultimi 10′ vietati per i cuori deboli e adatti per giocatori veri. La Luciana Mosconi trova subito canestri importanti di Baldoni, Centanni ancora da tre e Quaglia (67-63). Garri fatica da sotto ma segna da tre (67-66) prima che sulla partita arrivi il marchio di Ousmane Gueye. Entrata vincente, tripla di tabella e recupero con schiacciata finale. 74-66 a -5’52” dalla fine e time out di Pansa e anche il pubblico di casa inizia a far festa.  Centanni manca un paio di jolly dalla distanza ma Fabriano non ne approfitta a dovere. Ancona va sul 76-68, Merletto riduce e poi c’è Timperi che da sotto sigla ancora il + 8 (78-70). Del Testa tiene accese le speranze della Janus con la tripla del -5, Gueye sbaglia la replica e poi commette il suo 4°fallo. Si continua e Quaglia a -2’15” mette il canestro più importante da quando è sbarcato sotto al Conero. Rajola chiama time out a -2’08” dalla fine. Fabriano è alle corde, la Luciana Mosconi manca un paio di match point con l’errore da tre di Ferri e lo 0/2 di Timperi. Ma il tempo corre. Fabriano non riesce a trovare i canestri per rimanere viva con l’air ball di Fratto che inizia a mandare i titoli di coda. A 22″ dalla fine Ferri inventa un canestro dalla media distanza. Non importa come sia arrivato. La palla entra nella retina e la Luciana Mosconi ha davvero vinto (82-73).

Luciana Mosconi Ancona – Ristopro Fabriano 82-73 (16-21, 21-16, 23-22, 22-14)
Luciana Mosconi Ancona: Simone Centanni 23 (4/6, 4/9), Francesco Quaglia 17 (8/9, 0/0), Ousmane Gueye 15 (3/4, 3/5), Michele Ferri 10 (2/2, 2/4), Lorenzo Baldoni 9 (3/4, 1/4), Marco Timperi 5 (1/5, 1/3), Niccolò Rinaldi 3 (0/2, 1/5), Giovanni Iannelli 0 (0/0, 0/1), Thomas Monina 0 (0/0, 0/0), Iacopo Demarchi 0 (0/0, 0/0)
Tiri liberi: 4 / 9 – Rimbalzi: 29 6 + 23 (Francesco Quaglia 6) – Assist: 17 (Simone Centanni 5)
Ristopro Fabriano: Luca Garri 15 (1/5, 2/3), Maurizio Del testa 14 (0/1, 4/4), Francesco Paolin 12 (1/3, 2/4), Todor Radonjic 10 (2/3, 2/3), Francesco Fratto 8 (3/4, 0/1), Daniele Merletto 6 (3/5, 0/5), Edoardo Fontana 5 (1/3, 1/2), Niccolò Petrucci 3 (0/0, 1/4), Luigi Cianci 0 (0/1, 0/0), Gianluca Cicconcelli 0 (0/0, 0/0), Leonardo Pacini 0 (0/0, 0/0)
Tiri liberi: 15 / 25 – Rimbalzi: 36 9 + 27 (Francesco Fratto 10) – Assist: 11 (Daniele Merletto 6)

Area Comunicazione e Stampa
Luciana Mosconi Ancona
Alessandro Elia




Luciana Mosconi Ancona – Ristopro Fabriano 82-73 (16-21, 21-16, 23-22, 22-14)

Di Giacomo Marini 13/01/2020


Luciana Mosconi Ancona – Ristopro Fabriano 82-73 (16-21, 21-16, 23-22, 22-14)

Seguici su Facebook : BASKET EMILIAROMAGNA

 

DOPO DUE MESI DI IMBATTIBILITÀ, FABRIANO CADE AD ANCONA

 

Arriva al PalaPrometeo la terza sconfitta stagionale per i ragazzi di coach Pansa, complice un’ ottima Luciana Mosconi e qualche imprecisione di troppo.
 


Per la sedicesima giornata di Serie B Old Wild West, nonché prima del girone di ritorno, la Ristopro affronta al PalaPrometeo Estra una Luciana Mosconi rinnovata rispetto a quella vista a Fabriano alla fine di settembre e in evidente ripresa rispetto ad un inizio al di sotto delle aspettative.

È il neo acquisto Fontana ad uscire meglio dai blocchi di partenza, con cinque punti in un amen; sono ottime le percentuali dall'arco per i biancoblu nel primo periodo, ma Ancona non si fa sorprendere e tiene botta con Baldoni e un Quaglia infallibile nel pittutato; sulla sirena dei 10' Del Testa piazza la bomba e il tabellone segna 16-21.

Non altrettanto fortunato il secondo quarto per la Janus, che subiscono un parziale di 17-5 nei primi 5', con Centanni trascinatore; il +7 accumulato dai padroni di casa è, però, annullato dai cartai, ancora una volta con una tripla sulla sirena di Paolin.

Al rientro sul parquet, regna l'equilibrio tra le due compagini, Fabriano è imprecisa ai liberi e non riesce a distanziare la Luciana Mosconi; nel frattempo Centanni è inarrestabile e guida i suoi com una serie innumerevole di canestri. Dopo trenta minuti è 60-59.

Serve un episodio per indirizzare la partita, lo trova Ancona quando, sul +3, insacca una tripla di tabella con Gueye, che pochi secondi dopo intercetterà palla e con una schiacciata firmerà il +8 per i suoi, chiudendo virtualmente il match. Inutili i tentativi di rimonta fabrianesi, Ancona vince, chiudendo dopo due mesi la striscia positiva della Janus. Servirà rifarsi domenica prossima, arriva la corazzata Chieti al PalaGuerrieri, per uno scontro tutto da seguire.

 

Luciana Mosconi Ancona – Ristopro Fabriano 82-73 (16-21, 21-16, 23-22, 22-14)

Luciana Mosconi Ancona: Simone Centanni 23 (4/6, 4/9), Francesco Quaglia 17 (8/9, 0/0), Ousmane Gueye 15 (3/4, 3/5), Michele Ferri 10 (2/2, 2/4), Lorenzo Baldoni 9 (3/4, 1/4), Marco Timperi 5 (1/5, 1/3), Niccolò Rinaldi 3 (0/2, 1/5), Giovanni Iannelli 0 (0/0, 0/1), Thomas Monina 0 (0/0, 0/0), Iacopo Demarchi 0 (0/0, 0/0)
Tiri liberi: 4 / 9 – Rimbalzi: 29 6 + 23 (Francesco Quaglia 6) – Assist: 17 (Simone Centanni 5)

Ristopro Fabriano: Luca Garri 15 (1/5, 2/3), Maurizio Del testa 14 (0/1, 4/4), Francesco Paolin 12 (1/3, 2/4), Todor Radonjic 10 (2/3, 2/3), Francesco Fratto 8 (3/4, 0/1), Daniele Merletto 6 (3/5, 0/5), Edoardo Fontana 5 (1/3, 1/2), Niccolò Petrucci 3 (0/0, 1/4), Luigi Cianci 0 (0/1, 0/0), Gianluca Cicconcelli 0 (0/0, 0/0), Leonardo Pacini 0 (0/0, 0/0)
Tiri liberi: 15 / 25 – Rimbalzi: 36 9 + 27 (Francesco Fratto 10) – Assist: 11 (Daniele Merletto 6)

 

Giacomo Marini

Ufficio stampa Janus Basket Fabriano.



Luciana Mosconi Ancona : I nostri avversari , Janus Basket Fabriano

Di Alessandro Elia 10/01/2020


Luciana Mosconi Ancona : I nostri avversari , Janus Basket Fabriano

Seguici su Facebook : BASKET EMILIAROMAGNA

I NOSTRI AVVERSARI: JANUS BASKET FABRIANO

La capolista per la prima del 2020 al Palarossini. La Luciana Mosconi Ancona apre il nuovo anno in casa ospitando la Janus Fabriano, dominatrice del girone di andata appena concluso e prima in classifica con un bilancio di 13 vittorie in 15 partite. Ruolino di marcia da corazzata per la squadra di coach Pansa che sta rispettando a pieno i pronostici della vigilia primeggiando nel Girone C qualificandosi insieme a Cento per le Final Eight di Coppa Italia.
Una prima metà di regular season rovinata soltanto da due sconfitte. Quella arrivata a Chieti nella 3a giornata e quella casalinga per opera di Cento. Quella subita al PalaGuerrieri lo scorso 10 novembre è stata l’ultima sconfitta della Janus che arriva ad Ancona in striscia aperta da 7 turni anche se nelle ultime due giornate mai il k.o. è stato così vicino. Nell’ultimo match prima della sosta di Natale l’Aurora Jesi è andata vicinissima al colpaccio con Migliori che ha fallito il tiro della vittoria a pochi passi dal canestro sul filo di sirena. Nell’ultimo turno la paura è stata ancor più grande con la tripla  da otto metri del sorpasso di Merletto arrivata a pochi centesimi di secondo dalla fine. Due successi figli anche di una tenuta mentale e di una fiducia incredibile che hanno ormai i fabrianesi. Vincere aiuta a vincere e il bilancio altamente positivo può anche far diventare facili le cose apparentemente insormontabili.
Coach Lorenzo Pansa, artefice principale della costruzione del roster della Janus, lavora con un gruppo di giocatori che si plasma perfettamente al suo tipo di gioco, non a caso è una squadra composta da elementi che il tecnico piemontese conosce benissimo. Il quintetto di partenza della Janus è leggermente cambiato nell’ultima partita di Senigallia in virtù di una modifica  in seno al suo roster. Nelle ultime settimane la Janus ha aggiunto l’under ’98 Edoardo Fontana (arrivato dall’A2 di Agrigento dopo essere stato il miglior Under 21 dell’ultima Serie B con Piombino) al posto del coetaneo Angelo Guaccio finito a Cremona sempre in B. Quest’ultimo partiva in quintetto come numero 3 insieme al regista Daniele Merletto,  l’esterno Francesco Paolin, con Todor Radonic da numero 4 e chiamato a fare da spalla a Luca Garri, il 5 titolare che sta dominando le scene. Dalla panchina escono capitan Francesco Fratto, il tiratore Maurizio Del Testa, l’altro under Luigi Cianci e Fontana, l’ultimo arrivato che ha esordito domenica scorsa al PalaPanzini segnando 2 punti in 12′. A livello statistico Garri è il miglior realizzatore dei fabrianesi con 15.3 punti di media, seguito da Merletto (11.1) e Petrucci (10). Garri è anche il miglior rimbalzista di squadra prima di Radonjic che arpiona 7.3 carambole a partita.  La Janus nelle ultime due partite ha abbassato la sua media realizzativa. 61 punti segnati contro Jesi e 64 a Senigallia, prima del derby  del 22 dicembre l’attacco di Pansa segnava 75 punti a serata, alla fine del girone di andata la media è lievemente scesa a 73,5. Un’efficienza offensiva che sembra avere una leggera flessione ma è un calo sopperito dall’intensità difensiva che non conosce limiti. Fabriano è la 2a miglior difesa del campionato con 63.6 punti subiti, seconda soltanto a quella di Piacenza le cui qualità sono state appena assaggiate dalla Luciana Mosconi nell’ultima uscita.
La partita del Palarossini non vedrà in campo nessun ex. Coach Pansa ha avuto alle sue dipendenze Francesco Quaglia a Tortona nel 17/18. In quella squadra, che vinse a Jesi la Coppa Italia di A2, c’erano anche Luca Garri e Todor Radonjic. Niccolò Petrucci e il dorico Rinaldi sono stati compagni di squadra lo scorso anno a Caserta, così come Francesco Paolin e Michele Ferri lo sono stati 3 stagioni fa a Forlì.

A dare valore aggiunto alla forza della Janus c’è l’apporto del proprio pubblico che è annunciato in massa anche sulle gradinate del Palarossini. La Società dorica ha in settimana fornito a quella fabrianese 700 biglietti da vendere in prevendita. I dati arrivati dalla città della carta parlano di circa la metà di tagliandi venduti all’interno della settimana. Il grosso del tifo biancoblu si presenterà direttamente alla biglietteria del palasport di Passo Varano.

All’andata la Janus vinse largamente sulla Luciana Mosconi nella prima giornata di campionato (96-59) in quello che rimane tutt’ora il k.o. più pesante per Ferri e compagni.  Partita già decisa nel primo tempo (46-20 al 20′ dopo il 20-7 della prima sirena) dove la Janus ha avuto alla fine ben 5 uomini in doppia cifra (Garri 19, Fratto 18, Petrucci 15, Radonjic 14, Del Testa 11). Nella Luciana Mosconi il miglior realizzatore fu Quaglia (13) seguito da Centanni (11).

Area Comunicazione e Stampa
Luciana Mosconi Ancona
Alessandro Elia

 



Ristopro di scena al PalaPrometeo Estra contro la Luciana Mosconi

Di Ufficio Stampa Janus Basket Fabriano 10/01/2020


Ristopro di scena al PalaPrometeo Estra contro la Luciana Mosconi

 

Seguici su Facebook: MARCHESPORT


IL GIRONE DI RITORNO INIZIA CON IL QUINTO DERBY DI FILA: ANDIAMO AD ANCONA
Ristopro di scena al PalaPrometeo Estra contro la Luciana Mosconi
 


Il girone di ritorno della Ristopro inizia dal quinto derby consecutivo. La squadra di Lorenzo Pansa, prima al giro di boa del campionato dopo il successo a fil di sirena di Senigallia con la magia di Merletto, si sposta di pochi chilometri per un’altra trasferta: domenica 12, alle ore 18, si giocherà al PalaPrometeoEstra (ex PalaRossini) di Ancona contro la Luciana Mosconi.

Rispetto alla partita di andata, vinta nettamente dalla Ristopro 96-59, i dorici hanno effettuato alcune modifiche, nel roster e nella guida tecnica. In panchina è arrivato Stefano Rajola, avversario di Fabriano nelle ultime due stagioni con Pescara, capace di trascinare gli abruzzesi alla promozione in A2 a giugno 2019: il risultato, poi, è stato vanificato dalla mancata iscrizione nel secondo campionato nazionale, ma Rajola si è consacrato coach di punta nel panorama della serie B. Nel roster sono stati inseriti il veterano Ousmane Gueye e, la scorsa settimana, il baby play Giovanni Iannelli. I dorici navigano in zona playout ma con Rajola hanno ottenuto tre successi in sette partite.
In cabina di regia il classe ‘85 Michele Ferri, che ha vestito la maglia del Fabriano Basket nella stagione 2004-2005 e con una lunga carriera fra B1 e A2: 8.1 punti e 3.9 assist fin qui in stagione. Al suo fianco il cannoniere principale Simone Centanni, 16 punti di media in quasi 35’ sul parquet, e a completare il reparto esterni Ousmane Gueye, classe ’82 visto nelle Marche a Jesi e Recanati: da 10 partite ad Ancona, viaggia in doppia cifra di media. Sotto canestro il ‘4’ Niccolò Rinaldi, pericoloso dall’arco, si completa con Francesco Quaglia, che fu compagno a Tortona di coach Pansa, Todor Radonjic e Luca Garri.
Il sesto uomo di lusso è diventato Marco Timperi, frizzante esterno che ha vinto la B sette mesi fa con Orzinuovi e scalato in panchina con l’arrivo di Gueye, comportando l’uscita dalla rotazione dei senior di Matteo Redolf. Dalla panchina arriva un contributo importante dal lungo Lorenzo Baldoni, reduce dalla vittoria dorica in C Silver, mentre il reparto under, che contava il play Demarchi e il pivot Monina, è stato potenziato durante la sosta natalizia da Giovanni Iannelli, ex Stella Azzurra Roma, Roseto e Ferrara.
La Ristopro vuol mettere in campo un’altra prova solida per iniziare col piede affondato sull’acceleratore un girone di ritorno tanto difficile quanto stimolante.

Ufficio Stampa Janus Basket Fabriano



Vuoi commentare questa notizia ? Effettua il login o registrati



PUBBLICITA'

PUBBLICITA'