In questo sito utilizziamo cookies propri e di terze parti per migliorare la navigazione e poter offrire contenuti e messaggi pubblicitari personalizzati. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra (Informativa). Nelle impostazioni del tuo browser puoi modificare le opzioni di utilizzo dei cookie.


Basket | Dilettanti | DNB

Amadori Tigers Cesena – Ristopro Fabriano 77-76 (12-22, 25-14, 19-19, 21-21)

Di Massimo Framboas 26/01/2020


Amadori Tigers Cesena – Ristopro Fabriano 77-76 (12-22, 25-14, 19-19, 21-21)

Seguici su Facebook : BASKET EMILIAROMAGNA


Da -16 a 3’45’’ dalla fine del primo quarto, con appena 4 punti segnati, al punto a punto per tutto il resto del match nel breve volgere di 10’ ed infine la vittoria, davanti ad un Carisport gremito e ribollente di passione. Questi sono i Tigers. Questa è Cesena. Il primo vero e convinto assalto all’inviolabilità del Carisport viene dunque rintuzzato con una prova di carattere dopo un primo quarto che avrebbe messo ko chiunque. Il ruggito del Carisport ha colpito ancora. Determinante, come sempre nei momenti di difficoltà, la difesa bianconera con Scanzi che al termine del primo tempo, pur non avendo mai tirato, è l’uomo con il +/- più alto di tutti: 15! Determinanti i canestri di un Frassineti da 19 punti che per importanza ne valgono almeno 40. Fondamentale la capacità di credere nei propri mezzi e quella coesione coach-giocatori che fa di Cesena un gruppo straordinario. Arriva così la nona esaltante vittoria casalinga su 9 partite disputate nell’impianto cesenate e ora si pensa subito al derby di mercoledì sera alle 21:00 a Rimini. Il gruppo “Io tifo Tigers” sta già organizzando il pullman.

Di Lorenzo parte con Papa, altra doppia doppia dopo la partita di sacrificio di domenica scorsa a Jesi, Battisti, Hajrovic, Frassineti e Planezio. Dopo meno di 3 minuti Fabriano è già 2-10 e Di Lorenzo è costretto al time out non tanto per il divario, quanto perché i marchigiani in attacco sono una macchina da guerra implacabile nonostante la buona difesa messa in campo dai Tigers. Chiappelli sbanda in difesa accumulando falli, Hajrovic non tiene Garri e quando il totem biancoblu numero 15 si vede l’area perfettamente intasata dalla Amadori, decide di colpire da fuori. Proprio 3 liberi di Garri danno il 2-13 a Fabriano a poco meno di 6’20’’ dal primo mini intervallo. La tripla di Radonjic invece scrive il 4 – 16 dopo il canestro di Battisti. Di Garri, di nuovo, il 4 – 20.

La Amadori è però squadra esperta e in questo campionato ha già dimostrato di saper soffrire. La reazione porta subito le firme di Chiappelli e Planezio che dall’arco mandano le squadre al primo mini riposo sul 12-22 ed un parziale aperto di 6-0. Brkic apre poi il secondo quarto e Chiappelli lo segue, da sotto, con Cesena che accorcia a -8, sotto la doppia cifra di svantaggio. I bianconeri ci sono. La morsa difensiva port Scanzi a recuperar palla nella propria area dopo la tripla di un incontenibile Radonjic, e dal contropiede nasce il canestro di Papa a 5’26’’ che vale il 22-30. Il recupero dei Tigers è lento ma inesorabile e, quando si accende Frassineti, si concretizza nel primo vantaggio cesenate, 37 – 36 a fine primo tempo. Del numero 10 romagnolo i canestri decisivi che portano 10 punti a Cesena in una manciata di minuti. Fondamentale la tripla di Papa a 3’05’’ per il -5. Da manuale la seconda recuperata di Scanzi, che al termine di un furibondo coast to coast, tutto grinta e velocità, serve a Planezio la palla del 35-36 che esalta il Carisport.

Al termine del primo tempo, Cesena guida 26-16 a rimbalzo, ma soprattutto è avanti nel punteggio. Il parziale 24-14 del secondo risulterà poi cruciale nell’economia del match. Sì, perché di qui in avanti le due squadre andranno di fatto a braccetto segnando esattamente gli stessi punti nei due quarti finali. Certo, brava Fabriano a rispondere nel terzo quarto ad una tripla e ad uno dei tipici canestri in allontanamento di Planezio da lustrarsi gli occhi. Ancora più bravi i marchigiani nel piazzare il parziale di 5-14 che porta gli ospiti sul 42-50 a 3’48’’ illudendo i propri tifosi. Già, illudendo. Perché a questo punto si riprende la scena Matteo Frassineti. A 3’33’’ il giocatore romagnolo apre una serie di 9 punti che, intervallati ai canestri di Papa e Planezio, mandano le squadre all’ultimo quarto sul 56 – 55. Per intensità, percentuali, pathos e adrenalina, non fosse per il clima fuori dal Carisport, si potrebbe tranquillamente pensare ad una partita di playoff.

Le squadre viaggiano a braccetto per tutto l’ultimo quarto. Nella prima metà meritano menzione due stoppate di Garri e due triple di Trapani. Poi, lo stillicidio di falli fa salutare il match, in rigoroso ordine cronologico, Chiappelli, Fratto e Paolin. Di Lorenzo ordina la palla sotto per Brkic. A 4’40’’ Papa offre così al capitano l’assist del 66 pari. Appena 20’’ più tardi Petrucci fa esplodere la curva biancoblu con la bomba del +3 marchigiano, ma passano altri 20’’ e ad esplodere è l’intero Carisport con la tripla di Andrea Scanzi. La palla ora pesa come un macigno ed ogni punto vale doppio. Ogni singola decisione, ogni singolo fischio, ogni singolo tiro, possono spostare gli equilibri definitivamente. Così è. Diverse volte, negli ultimi 3’17’’, quando fanno capolino sul parquet falli in attacco mai fischiati nel corso del match dal tanto che è intensa la partita. Radonjic fa 1/2, mentre dall’altro lato del campo, a 2’53’’, Planezio imbuca dalla media il 71 – 70. Subito dopo è Papa ad andare alla conclusione. La palla rimbalza più volte sul ferro, quasi in bilico, ma alla fine decide di entrare per il 73 – 70. A 2’06’’ tocca a Petrucci dare speranza ai suoi, ma Papa è on fire e vuole rispondere. Garri prova a cancellargli una conclusione ma l’arbitro fischia fallo. Mancano 105 secondi. Papa va in lunetta e fa 0/2, ma il segnale peggiore, per i bianconeri, arriva subito dopo. A 1’05’’ Petrucci spadella in rovesciata un canestro incredibile. Un fischio ferma tutto. Canestro valido e fallo…lontano dalla palla. Due tiri liberi per Radonjic. La beffa per Cesena sembra confezionata. E’ 2/2 per il cartaio ed è 73 – 76 per Fabriano. Dall’altro lato palla sotto a Brkic, palla fuori a Scanzi, tiro da 3. Il Carisport si ferma. L’arbitro fischia. L’esterno cesenate si presenta in lunetta per 3 liberi a 34’’ con la sua squadra sotto di 3. Il primo è fuori. Gli altri due no. Scorre il tempo. Fabriano ha la palla per chiudere il match mettendo due possessi fra le due squadre. Mancano 15’’ la palla biancoblu transita in attacco nel pitturato lungo una linea di passaggio che non c’è. Brkic intercetta il passaggio di Merletto e lo devia nelle mani di Scanzi. Il numero 16 arriva dall’altra parte del campo come un fulmine e dall’area segna il 77 – 76 a 3’’ dalla sirena. Dalla rimessa in attacco di Fabriano dopo il time out di coach Pansa la palla arriva ben oltre l’arco a Petrucci. Nulla da fare. Cesena rimane inespugnata.

Amadori Tigers Cesena – Ristopro Fabriano 77-76 (12-22, 25-14, 19-19, 21-21)

Amadori Tigers Cesena: Matteo Frassineti 19 (5/12, 1/2), Francesco Papa 16 (5/8, 1/3), Marco Planezio 12 (3/5, 2/5), Andrea Scanzi 7 (1/4, 1/3), Gioacchino Chiappelli 7 (2/2, 1/5), Emanuele Trapani 6 (0/2, 2/4), Matteo Battisti 4 (2/5, 0/2), David Brkic 4 (2/5, 0/1), Tarik Hajrovic 2 (1/1, 0/0), Filippo Rossi 0 (0/0, 0/0), Giacomo Guidi 0 (0/0, 0/0). All.: Di Lorenzo. Ass.: Belletti

Tiri liberi: 11 / 16 – Rimbalzi: 30 12 + 18 (Francesco Papa 10) – Assist: 15 (Marco Planezio 5)

Ristopro Fabriano: Todor Radonjic 21 (4/4, 3/5), Niccolò Petrucci 14 (3/5, 2/8), Edoardo Fontana 11 (4/6, 1/4), Daniele Merletto 7 (0/2, 1/2), Luca Garri 7 (1/3, 0/2), Francesco Fratto 7 (2/5, 0/2), Francesco Paolin 6 (2/2, 0/0), Maurizio Del testa 3 (0/0, 1/2), Gianluca Cicconcelli 0 (0/0, 0/0), Luigi Cianci 0 (0/0, 0/0), Leonardo Pacini 0 (0/0, 0/0). All.: Pansa. Ass.: Cutugno.

Tiri liberi: 20 / 23 – Rimbalzi: 30 6 + 24 (Todor Radonjic 10) – Assist: 12 (Niccolò Petrucci 4)

Massimo Framboas
UFFICIO STAMPA & COMUNICAZIONE




Tigers Amadori Cesena vs Janus Basket Fabriano 77 - 76

Di Giacomo Marini 26/01/2020


Tigers Amadori Cesena  vs Janus Basket Fabriano  77 - 76

Seguici su Facebook : BASKET EMILIAROMAGNA


RISTOPRO SCONFITTA IN VOLATA A CESENA
I ragazzi di coach Pansa devono arrendersi all’Amadori dopo un canestro di Scanzi a tre secondi dalla fine.
 

Diciottesima giornata di Serie B Old Wild West, al Carisport va in scena Cesena-Fabriano, due fra le migliori compagini dell’intero girone, con i ragazzi di Di Lorenzo imbattuti in casa, oltre che in nove delle ultime dieci.

Parte meglio la Janus, Radonjic guida i biancoblu in fase offensiva mentre l’Amadori non trova soluzioni, limitandosi al tiro da tre punti; il parziale dopo pochi minuti è di 4-20, limato dai padroni di casa prima dei 10’, 12-22.

Si invertono i ruoli nel secondo periodo: dopo un inizio combattuto, la Ristopro accusa una Cesena fisica e cinica, che firma un parziale di 20-6 grazie al duo Planezio e Frassineti in gran serata; il tabellone segna 37-36 all’intervallo.

Al rientro sul parquet riemerge Fabriano, in contemporanea all’accensione di Petrucci, che crea scompiglio nella difesa bianconera e aiuta i suoi ad allungare fino al 42-50; ancora una volta, però, l’Amadori non molla e con Papa e Frassineti riesce a colmare il gap e mettersi davanti prima della fine dei 30’.

Si prospetta un ultimo quarto di fuoco e così è, il palazzetto si infiamma sia da una sponda che dall’altra, Fabriano prova la fuga con un +4 sulla tripla di Del Testa, ma gli risponde Trapani con due bombe consecutive; i cartai ritrovano il +3 sul canestro di Petrucci e i liberi di Radonjic, ma dall’altra parte Scanzi subisce un dubbio fallo su tiro dall’arco: sono tre liberi, due a segno.

Sul capovolgimento di fronte la Janus perde una brutta palla e in contropiede Scanzi punisce; non va la tripla allo scadere di Petrucci, Cesena rimane imbattuta in casa. Resta, comunque, un’ottima prestazione contro un avversario tosto e di gran livello; neanche il tempo di riorganizzare le idee, che mercoledì si ritorna in campo: turno infrasettimanale contro Teramo, al PalaGuerrieri, palla a due ore 21.

AMADORI CESENA: Papa 16 (5/8, 1/3), Trapani 6 (0/2, 2/4), Rossi ne, Battisti 4 (2/5, 0/2), Hajrovic 2 (1/1), Guidi ne, Frassineti 19 (5/12, 1/2), Planezio 12 (3/5, 2/5), Scanzi 7 (1/4, 1/3), Chiappelli 7 (2/2, 1/5), Brkic 4 (2/5, 0/1). All. Di Lorenzo

RISTOPRO FABRIANO: Fratto 7 (2/5, 0/2), Pacini ne, Petrucci 14 (3/5, 2/8), Del Testa 3 (1/2 da tre), Paolin 6 (2/2), Merletto 7 (0/2, 1/2), Cicconcelli ne, Garri 7 (1/3, 0/2), Radonjic 21 (4/4, 3/5), Cianci, Fontana 11 (4/6, 1/4). All. Pansa

Arbitri: Venturini di Lucca e Bandinelli di Perugia

Parziali: 12-22, 37-36, 56-55

 

Giacomo Marini

Ufficio stampa Janus Basket Fabriano

 



Janus Basket Fabriano : La febbre del sabato sera : trasferta a Cesena

Di Ufficio Stampa Janus Basket Fabriano 23/01/2020


Janus Basket Fabriano : La febbre del sabato sera : trasferta a Cesena

Seguici su Facebook : BASKET EMILIAROMAGNA

 

LA FEBBRE DEL SABATO SERA: TRASFERTA A CESENA
Al Carisport la prima di quattro trasferte in Emilia Romagna da giocare in anticipo serale.
 

Tornata al successo con autorità sulla Esa Italia Chieti, la Ristopro affronta una settimana più breve del consueto: il prossimo impegno si gioca sabato alle 20.30, sul campo di una delle big del girone, l’Amadori Cesena.

In panchina l’esperto coach Giampaolo Di Lorenzo e in campo tanti elementi di spicco per la categoria, dalla vecchia conoscenza fabrianese David Brkic all’ala Andrea Scanzi, da Marco Planezio a Matteo Frassineti. A giugno scorso l’Amadori perse la finale playoff per volare in A2 e andò ad un passo dal successo in Coppa Italia, in estate quel nucleo è stato rinforzato col chiaro intento di lottare per il vertice: al momento Cesena fa parte del terzetto di squadre al terzo posto, a -4 dalla coppia Fabriano-Cento.

In regia nel quintetto cesenate c’è Matteo Battisti, marchigiano ex Aurora Jesi, che si divide il ruolo con un promettente under come Emanuele Trapani, classe ’99. La guardia titolare è il classe ’87 Matteo Frassineti, da anni fra gli elementi di punta della categoria, al pari di Marco Planezio, ala piccola titolare nello scacchiere di Di Lorenzo e miglior tiratore da 3 del girone con il 49%. Sotto canestro il solido Francesco Papa (10.7 punti e 8.3 rimbalzi di media) affianca David Brkic, al Fabriano Basket nel 2006/07 e coetaneo del nostro Luca Garri.

La grande varietà di soluzioni in mano al tecnico partenopeo è testimoniata dalla qualità della panchina dove oltre al già citato Trapani ci sono veri pezzi da novanta quali Andrea Scanzi, promosso in A2 con l’Urania Milano a giugno 2019 e miglior marcatore dell’Amadori con 12.3 punti a partita. Molto più di un’alternativa è anche Gioacchino Chiappelli, 10.1 punti e 6.5 rimbalzi a partita in quasi 26’. Altro elemento che fornisce minuti preziosi è il classe 2000 Tarik Hajrovic, pivot l’anno scorso a Latina in A2.

All’andata con una eccellente prestazione collettiva la Ristopro si impose 73-58 su Cesena. Sabato la squadra di coach Lorenzo Pansa è chiamata a disputare un’altra prova di grande livello in un match dal sapore di playoff.

Ufficio Stampa Janus Basket Fabriano

 



Tigers Amadori Cesena - Janus Basket Fabriano anticipo di lusso dell 18a Giornata

Di Massimo Framboas 23/01/2020


Tigers Amadori Cesena - Janus Basket Fabriano anticipo di lusso  dell 18a Giornata

Seguici su Facebook : BASKET EMILIAROMAGNA


Prima contro terza. È big match al Carisport per la 18^ giornata del Girone C del terzo campionato nazionale della palla a spicchi. Appena 4 i punti a distanziare Fabriano, prima in coabitazione con Cento, da Cesena, al comando di un terzetto agguerrito composto, nell’ordine, da Tigers, Rimini e Piacenza. È, di fatto, il primo reale tentativo di scardinamento dell’inviolabilità del Carisport. A guidarlo, coach Pansa ed una agguerritissima Fabriano che non stupisce tanto per la posizione, più che legittima, ma quanto per lo straordinario rendimento in termini di costanza di risultati messo in campo nell’intero girone di andata. Croce e delizia, al contempo, di una squadra che ancora deve dunque imparare a conoscersi nei momenti di difficoltà, quelli che fungono da reale banco di prova delle ambizioni e del potenziale di ciascuna formazione. Quelli, per intenderci, attraverso i quali Cesena è già passata ad inizio stagione, prima di inanellare la serie di 9 vittorie nelle ultime 10 partite. Una serie che conferisce estrema fiducia e solidità mentale, fondamentali per cercare di riscrivere un confronto diretto falsato dagli infortuni e fortemente condizionato dal -15 maturato all’andata al PalaGuerrieri, al termine di una partita praticamente non disputata nel secondo tempo, da quel poco che coach Di Lorenzo, in termini di energie, poteva schierare in campo.

Qualificata all’edizione bizantina della Coppa Italia 2020, Fabriano è caduta solamente a Chieti ed in casa contro Cento nella prima metà di campionato, per poi riscattare domenica scorsa il tonfo sorprendente, ma fisiologico, sul campo dorico della Luciana Mosconi. La Ristopro è squadra che chiude mediamente le partite a quota 74 punti tirando con il 51% da 2 ed il 32% da 3 e chiosa il tutto con 39,5 rimbalzi. Numeri che poggiano sulla efficacia e l’esperienza di Luca Garri, che non ha certo bisogno di presentazioni, ed una batteria di esterni eclettici e mortiferi sia al tiro dalla lunga che in penetrazione, guidata dal ventisettenne playmaker Daniele Merletto, che in 30 minuti realizza 10,9 punti di media tirando con il 50% da 2 ed il 32% da 3. Oltre poi al pretoriano di Pansa, Francesco Paolin, una garanzia per la categoria, Cesena troverà nuovamente sul proprio cammino Francesco Fratto, ala affrontata lo scorso anno nei playoff contro Piombino.

I Tigers hanno tutte le carte in regola per fermare la capolista Fabriano e soprattutto la consapevolezza di poterlo fare. Servirà però la partita perfetta soprattutto in difesa. Palla a due al Carisport alle ore 20:30 sabato 25 gennaio. Francesco Venturini di Lucca e Diletta Bandinelli di Perugia saranno gli arbitri del big match che promette spettacolo e che sarà trasmesso live in streaming sul canale YouTube di LNP a cura dell’Area Comunicazione della Amadori Tigers Cesena. Collegamento dal Carisport alle ore 20:00 per seguire con un ampio prepartita l’avvicinamento alla palla a due in compagnia dei coach e dei protagonisti.

Per quanto riguarda l’accesso dei tifosi ospiti, l’Area Ticketing ha predisposto l’apertura di una seconda biglietteria dedicata ai sostenitori di Fabriano dovranno pertanto accedere al Carisport dall’ingresso OVEST. L’apertura delle biglietterie è prevista per le ore 19:30. Il costo dei tagliandi per il settore ospiti è di 10 ¤ per il biglietto intero e 8 ¤ per il ridotto, riservato a studenti universitari, forze dell’ordine, ragazzi fra i 15 e i 18 anni, over 70, diversamente abili fino al 60% di invalidità.

All’ingresso EST del Carisport sarà come di consueto allestito il Tigers Point dove sarà possibile acquistare tutto il merchandising della linea “Cesena Basketball” e prenotare o ritirare le divise da gioco personalizzate. Sempre all’ingresso EST sarà infine possibile ritirare il calendario 2020 con i giocatori della Amadori Tigers Cesena.


Massimo Framboas
UFFICIO STAMPA & COMUNICAZIONE



Vuoi commentare questa notizia ? Effettua il login o registrati



PUBBLICITA'

PUBBLICITA'