In questo sito utilizziamo cookies propri e di terze parti per migliorare la navigazione e poter offrire contenuti e messaggi pubblicitari personalizzati. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra (Informativa). Nelle impostazioni del tuo browser puoi modificare le opzioni di utilizzo dei cookie.


Basket | Professionisti | Lega 2

Presentazione Assigeco Piacenza - Apu Udine

Di Mikhail Laurenza 15/02/2020


Presentazione Assigeco Piacenza - Apu Udine

Seguici su Facebook  : BASKET EMILIAROMAGNA


ARRIVA UDINE AL PALABANCA, COACH MARTELOSSI CONTRO IL SUO PASSATO PER RILANCIARE L’ASSIGECO PIACENZA

Le tre sconfitte consecutive in una settimana hanno portato l’UCC Assigeco Piacenza alla decisione di cambiare la guida tecnica della squadra, affidando la panchina ad Alberto Martelossi che, scherzo del destino, domani esordirà non solo contro la squadra della sua città natale, ma anche contro il suo recente passato: l’APU Udine infatti è stata l’ultima formazione allenata dal neo coach biancorossoblu, trascinata ai Playoff nella passata stagione grazie ad un positivo girone di ritorno.
La stessa cosa proverà a fare con l’Assigeco, ancora in ottava posizione, ma con soli due punti di vantaggio sulla zona Playout. Ecco perché il cambio di rotta deve essere il più repentino possibile, anche se la squadra di Ramagli è una delle squadre più difficili da affrontare oggi: i bianconeri infatti non solo sono in netta ripresa rispetto all’inizio della stagione quando Santiangeli e soci furono corsari al PalaCarnera, ma hanno aggiunto due assi per la categoria come Gazzotti e Strautins, uno dei cinque uomini in doppia cifra di media del roster.
A tutto ciò va aggiunta l’infinita profondità della panchina (ben 11 giocatori sopra i 10 minuti di utilizzo) e la pericolosità dalla distanza che fa di Udine la migliore per percentuale da tre con il 37% su 24 tentativi a gara.
Piacenza dal canto suo giocherà con la voglia di riscattarsi davanti al proprio pubblico che con Udine domani e il 26 febbraio contro un’altra corazzata come Forlì dovrà essere più caloroso che mai per aiutare i biancorossoblu ad allontanarsi dalle zone calde della classifica e issarsi stabilmente nella zona playoff, in vista della fase a orologio.

I ROSTER
UCC Assigeco Piacenza: 1 Ferraro, 2 Montanari, 3 Ferguson, 8 Molinaro, 9 Rota, 11 Gasparin, 12 Ammannato, 14 Piccoli, 15 Ihedioha, 25 Cremaschi, 33 Santiangeli, 55 Hall, 77 Jelic. All. Martelossi.

Old Wild West Udine: 0 Cromer, 2 Minisini, 3 Cautiero, 5 Gazzotti, 6 Amato, 7 Ohenhen, 9 Antonutti, 10 Fabi, 12 Zilli, 18 Beverly, 21 Strautins, 22 Nobile, 24 Penna, 33 Micalich. All. Ramagli.

DICHIARAZIONI DELLA VIGILIA
Coach Alberto Martelossi: “Il fato ha voluto che nel mio esordio all’Assigeco affrontassi la squadra dove ho allenato nella passata stagione. Dobbiamo concentrarci al massimo per giocare contro una squadra di un livello tecnico e di talento elevatissimo che ha la capacità di produrre punti in ogni componente del roster. Quindi la nostra principale preoccupazione deve essere quella di fare la nostra miglior prestazione difensiva da inizio stagione a oggi. Come nella maggior parte delle squadre i loro leader tecnici sono i piccoli, Amato e Cromer, che sanno sia far canestro sia far girare il pallone, anche se in questo momento il giocatore che spariglia le carte è Strautins, il cui arrivo ha dato una spinta emotiva e tecnica alla squadra. E’ chiaro che in questo momento della stagione dobbiamo pensare ad ottenere dei risultati senza preoccuparci né della posizione in classifica né dell’avversario che ci ritroveremo davanti. Inizieremo fin da questa mia prima partita a lavorare per questo obiettivo”.

Lorenzo Molinaro: “A tre giornate dal termine della stagione regolare ci ritroviamo con 8 sconfitte nelle ultime 10 partite. Dopo l'esonero di coach Ceccarelli gli alibi, se mai ci siano veramente stati, non esistono più. Incredibilmente, nonostante tutte le sconfitte dell'ultimo periodo, ci ritroviamo comunque in zona playoff e domenica dovremo affrontare Udine che si presenterà con un assetto diverso rispetto alla gara dell'andata. Saremo in casa e dovrà essere una partita di redenzione per tutti, la prima dell'ultimo ciclo di incontri che andrà a definire il momento più decisivo della stagione”.

COPERTURA MEDIATICA
La partita sarà trasmessa in streaming su LNP TV PASS (https://lnppass.legapallacanestro.com/) e su Radio Sound Piacenza all’interno del programma Stadio Sound (frequenze FM: 95.0 MHz, 94.6 MHz e in streming su http://www.radiosound95.it/).
Aggiornamenti in diretta anche sui nostri social networks (Facebook, Twitter e Instagram) e da lì al sito www.uccassigecopiacenza.it.


Mikhail Laurenza
Ufficio Stampa
UCC ASSIGECO PIACENZA




Assigeco Piacenza vs APU Udine 56 -77

Di Flavio Suardi 16/02/2020


Assigeco Piacenza    vs   APU Udine  56 -77

Seguici su Facebook : BASKET EMILIAROMAGNA

 

NON BASTA UN INIZIO DA FAVOLA: L’ASSIGECO PIACENZA CROLLA CON UDINE 56-77

Sette minuti da favola non sono sufficienti. L’Assigeco Piacenza rende amaro l’esordio in panchina di coach Alberto Martelossi e capitola in casa al cospetto di una Udine che ha avuto il merito di non scomporsi mai anche dopo l’inizio arrembante dei biancorossoblu. Una partita che gli ospiti hanno legittimato nel secondo tempo con una difesa molto aggressiva e un attacco sempre puntuale.

LA CRONACA – L’inizio di partita dei biancorossoblu è stato incredibilmente perfetto. 28 punti in 7’ con 6/6 da tre punti 4/4 ai liberi e 3/3 da due punti. Un parziale che avrebbe tramortito chiunque, ma non una squadra esperta come Udine. I friulani hanno saputo attendere il calo delle percentuali dei biancorossoblu, andando a contatto già alla prima sirena.
Nel secondo quarto la musica non cambia: in 7 minuti l’Assigeco segna pochissimo e la difesa non morde. Udine risponde con il 70% dal campo e mette la testa avanti. Piacenza prova a reagire al rientro dall’intervallo lungo, ma l’attacco resta troppo legato all’esito del tiro da tre punti e Udine non fa sconti: un gioco da 4 punti di Nobile manda gli ospiti sul massimo vantaggio del 47-59 del 30’. A mettere la parola fine sulla partita è un tracciante di Amato che manda Udine a +16 (68-52), mentre l’Assigeco non trova più la forza di rientrare.

MOMENTO CHIAVE – Il secondo tempo che ha visto Udine alzare il tono in difesa e allungare in maniera definitiva nei primi minuti dell’ultimo quarto.

PROTAGONISTI BIANCOROSSOBLU – Pur non in perfette condizioni fisiche Jazz Ferguson ha realizzato 15 punti, 10 a testa per Santiangeli e Hall.

CURIOSITA’ STATISTICHE – L’Assigeco chiude con 19/55 dal campo e un 3/25 da tre dopo il 6/6 iniziale dalla lunga distanza. Udine ha controllato anche i rimbalzi (39-27) e ha perso più palloni (15 contro 13).

PROSSIMA AVVERSARIA – Unieuro Forlì, mercoledì 26 febbraio, alle 20.30, al PalaBanca.

ASSIGECO PIACENZA - APU UDINE 56-77
(28-25, 11-20, 8-14, 9-18)

Piacenza: Ferraro ne, Montanari ne, Ferguson 15, Molinaro 8, Rota, Gasparin 6, Ammannato, Piccoli 7, Ihedioha, Santiangeli 10, Hall 10, Jelic ne. All. Martelossi.

Udine: Cromer 23, Gazzotti 4, Amato 15, Antonutti ne, Zilli 8, Osasenaga ne, Beverly 11, Strautins 6, Nobile 7, Penna 3. All. Ramagli.


Flavio Suardi
Ufficio Stampa
UCC ASSIGECO PIACENZA

 



Vuoi commentare questa notizia ? Effettua il login o registrati



PUBBLICITA'

PUBBLICITA'