In questo sito utilizziamo cookies propri e di terze parti per migliorare la navigazione e poter offrire contenuti e messaggi pubblicitari personalizzati. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra (Informativa). Nelle impostazioni del tuo browser puoi modificare le opzioni di utilizzo dei cookie.


Calcio | Dilettanti | Serie D

Obbligo degli under in Serie D, al via la consultazione tra le societÓ aventi diritto

Di LND 24/06/2020


Obbligo degli under in Serie D, al via la consultazione tra le societÓ aventi diritto

á

Obbligo degli under per il campionato 2020/2021, prende il via da oggi la consultazione tra i club della Serie D. L’iniziativa del Dipartimento Interregionale scaturisce dalle numerose richieste pervenute in relazione alle classi d’etÓ da utilizzare per i 4 calciatori “under” previsti per il prossimo campionato. Anche in ragione della particolare situazione verificatasi a causa dell’emergenza sanitaria, il dipartimento della LND ha deciso di sottoporre alla valutazione dei Presidenti delle societÓ aventi diritto a partecipare alla Serie D 2020/2021. Due le ipotesi sulle quali i club saranno chiamati a pronunciarsi:

Ipotesi A: 1 calciatore classe 2000, 2 calciatori classe 2001, 1 calciatore classe 2002;
Ipotesi B: 1 calciatore classe 1999, 1 calciatore classe 2000, 1 calciatore classe 2001, 1 calciatore classe 2002;

La consultazione per essere valida, dovrÓ raggiungere il quorum minimo del 75% (114 su 152 societÓ aventi diritto), mentre servirÓ una maggioranza superiore al 10% per vedere approvata una delle due ipotesi. In caso di mancanza del raggiungimento del quorum o della maggioranza richiesta per una delle due ipotesi, l’utilizzo dei 4 “under” obbligatori sarÓ quello previsto dal Consiglio Direttivo della LND (con Comunicato Ufficiale N. 199 del 16/12/2019): 1 calciatore nato nel 2000, 2 calciatori nati del 2001 e 1 calciatore nato nel 2002).

Le preferenze dovranno essere inviate via PEC al Dipartimento Interregionale entro le ore 12 di venerdý 26 giugno.



Vuoi commentare questa notizia ? Effettua il login o registrati





PUBBLICITA'

PUBBLICITA'