In questo sito utilizziamo cookies propri e di terze parti per migliorare la navigazione e poter offrire contenuti e messaggi pubblicitari personalizzati. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra (Informativa). Nelle impostazioni del tuo browser puoi modificare le opzioni di utilizzo dei cookie.


Basket | Dilettanti | DNB

Rekico Raggisolaris Faenza : tesserato il pivot Keller Cedric Ly-Lee

Di Luca Del Favero 01/07/2020


Rekico Raggisolaris Faenza : tesserato il pivot Keller Cedric Ly-Lee

Seguici su Facebook : BASKET EMILIAROMAGNA

 

Faenza, 1 luglio 2020

 

LY-LEE: UN PIVOT GIOVANE E ATLETICO CHE VUOLE CONQUISTARE FAENZA

 

Energia, atletismo e gioventù sotto canestro per la Rekico. Tre qualità che si possono riassumere 

in un nome solo, Keller Cedric Ly-Lee Danwe, 18enne pivot camerunense legatosi al club 

faentino per la prossima stagione. Ly-Lee è un centro di grande prestanza fisica che abbina molto

bene i suoi 204 cm di altezza ai muscoli come si è visto nelle ultime stagioni in cui si è messo in 

luce tra prima squadra e settore giovanile. Nel suo palmares vanta un titolo italiano vinto con 

l’Under 18 Eccellenza dell’Honey Sport City Roma nella stagione 2018/19.

E pensare che Ly-Lee, nato a Yaoundè (Camerun) il 9 novembre 2001, ha iniziato la sua carriera 

sportiva come calciatore, scoprendo la pallacanestro soltanto a 12 anni su consiglio del suo 

allenatore che lo riteneva troppo alto per giocare a calcio. Dopo aver mosso i primi passi in 

Camerun nel Biyem - Assi si trasferisce in Italia nel 2016 a Roma dove entra nel settore 

giovanile dell’Honey Sport City Roma dove gioca nell’Under 16. Passano soltanto cinque mesi e

le sue qualità diventano ben note nella Capitale, tanto da portarlo a dividersi tra settore giovanile 

dell’HSC e Virtus Roma di A2 (società che collabora con l’HSC) dove si allena per tutto il 

campionato. Nel 2017/18, grazie al doppio tesseramento, gioca nell’Under 18 Eccellenza 

dell’HSC e in C Silver nelle Stelle Marine Ostia, ma è l’annata 2018/19 la più importante nella 

carriera di Ly-Lee. A livello giovanile si laurea campione d’Italia con l’Under 18 Eccellenza e 

debutta in serie B con la In Più Broker Roma, torneo in cui si ritaglia un buon minutaggio. Nella 

scorsa annata è ancora nell’Under 18 Eccellenza dell’HSC, mentre a livello seniores è una 

pedina importante della Petriana Roma in C Gold.

“Faenza è una piazza che conoscevo molto bene e che seguivo da anni – spiega Ly-Lee –: 

ringrazio il general manager Andrea Baccarini, la dirigenza e coach Serra per aver deciso di 

puntare su di me. Quando mi hanno contattato ho subito chiesto informazioni a Giovanni Bruni, 

persona a cui sono molto legato e con cui ho giocato due anni fa, e mi ha detto cose bellissime. I 

tifosi unici, il palasport bellissimo, la serietà della società e l’ottimo stile di vita sono state le 

qualità più importanti dei Raggisolaris e di Faenza che Giovanni mi ha descritto e che mi hanno 

ancora di più convinto ad accettare la proposta”.

Adesso sei un pivot, ma avremmo potuto vederti come centrocampista... Come è avvenuto 

il tuo passaggio dal calcio alla pallacanestro?

“Ho giocato a calcio sin da quando ero piccolo, perché in Camerun ogni bambino vuole 

diventare calciatore grazie anche a Samuel Eto’o che è un idolo di tutti, ma a 12 anni iniziavo a 

crescere d’altezza e così il mio allenatore mi ha spinto a giocare a pallacanestro, ritenendo che 

avessi le qualità fisiche per quello sport. All’inizio ero titubante, ma una volta che ho iniziato a

giocare, me ne sono subito innamorato e non l’ho più abbandonato. Nel 2016 mi sono poi 

trasferito in Italia a Roma nell’HSC, società che mi ha fatto crescere tantissimo, dandomi anche 

l’opportunità di allenarmi con l’A2 e di giocare in B. Grazie a questo percorso sono arrivato ai 

Raggisolaris”.

Anche adesso che sei un giocatore di pallacanestro il tuo idolo sportivo è ancora Eto’o?

“Lui è un mito e lo resterà per sempre, ma nel basket il mio giocatore preferito è Pascal Siakam, 

pure lui camerunense, che ha vinto l’ultimo titolo NBA con i Toronto Raptors”.

Quali sono le tue migliori qualità da giocatore?

“L’atletismo e la velocità, ma mi piace anche molto andare a rimbalzo. In Italia ho anche 

imparato ad usare molto bene il fisico e grazie al lavoro in palestra sono passato in sette anni dai 

69 ai 104 kg, sfruttando molto bene in campo questa crescita che non mi ha fatto perdere 

atletismo e rapidità. Inoltre mi piace molto aiutare i compagni e mettermi al servizio della 

squadra ed infatti nella prossima stagione voglio dare il massimo per cercare di portare i 

Raggisolaris il più avanti possibile in campionato”.

 

Luca Del Favero

Capo Ufficio Stampa Rekico Raggisolaris Faenza

 



Vuoi commentare questa notizia ? Effettua il login o registrati





PUBBLICITA'

PUBBLICITA'