In questo sito utilizziamo cookies propri e di terze parti per migliorare la navigazione e poter offrire contenuti e messaggi pubblicitari personalizzati. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra (Informativa). Nelle impostazioni del tuo browser puoi modificare le opzioni di utilizzo dei cookie.


Calcio

Biagio Nazzaro vs Gabicce Gradara 0-1

di ANDREA ROSSI

12/01/2020


Biagio Nazzaro  vs Gabicce Gradara 0-1

 

Seguici su Facebook: MARCHESPORT

 

BIAGIO NAZZARO: Bolletta, Stella, Brega (89’ Mazzarini), Arcolai, Giovagnoli, Cecchetti (80’ Santoni), Giovannini (85’ Terrè), Rossini, Gioacchini (72’ Alessandroni), Parasecoli (72’ Paialunga), Pieralisi. (A disp. Marziani, D’Agostino, Gregorini, Pesaresi). All. Giammarco Malavenda.

GABICCE GRADARA: Celato, Ciamaglia, Costa (77’ Fulvi), Vaierani, Passeri, Sabattini, Bastianoni (85’ Grandicelli), Grassi, Donati (65’ Roselli), Vegliò, Innocentini. (A disp. Bulzinetti, Buda, Fabbri, Bacchielli, Marcolini, Granci). All. Massimo Scardovi.

ARBITRO: Sgro di Albano Laziale.

RETE: 62’ Sabattini.

NOTE: ammoniti Pieralisi e Innocentini al 38’, Stella al 57’, Costa al 63’, Brega al 69’. Calci d’angolo: 9-4. Recupero: 0’ e 4’. Spettatori 400 circa.

 

CHIARAVALLE – Prima di morderci i gomiti per l’occasione sciupata ci preme fare i complimenti al Gabicce Gradara, da oggi nuova capolista, che ha vinto con merito al Comunale. Alla limpidezza di manovra degli avversari i rossoblù non hanno saputo contrapporre giocate altrettanto efficienti ed efficaci, riuscendo solo sporadicamente a creare problemi a Celato, mentre Bolletta è stato il migliore dei suoi, avendo in almeno tre occasioni salvato la porta grazie a prodigiosi interventi. Bastano queste poche righe per rendere ragione della vittoria degli adriatici, anche se il campionato non finisce certamente oggi e per i nostri ci sarà tempo e modo per rifarsi.

L’avvio della Biagio è incoraggiante e già al 2’ Rossini impegna Celato con un destro a giro, che l’esperto portiere ospite devia in angolo. Che qualcosa non funzioni a dovere lo si evince però dopo soli due minuti, quando Vegliò fila via indisturbato sulla destra e si presenta solo davanti a Boletta, il quale chiude abilmente lo specchio della porta, neutralizzando la conclusione. Biagio ancora avanti al 19’ con un diagonale forte ma centrale di Pieralisi. Tre soli giri di lancette e nuovo miracolo di Bolletta, che si oppone alla grande alla conclusione di Donati, liberato dal taglio filtrante di Vegliò. Al 40’ acrobatica sforbiciata di Gioacchini, senza fortuna. Si chiude una prima frazione sostanzialmente equilibrata, ma con gli ospiti decisamente più pericolosi dei rossoblù.

Ci si aspetta una Biagio più arrembante nella ripresa, invece la squadra di Scardovi prende le misure e, progressivamente, avanza il baricentro per osare il colpo. Bastianoni ha la palla buona al 5’, ma il suo diagonale non è un granché e Brega può rimediare in angolo. All’11’ Innocentini soffia palla a Pieralisi nella propria tre quarti, trova un’autostrada davanti a sé e lancia la sgroppata, che culmina con il raffinato pallone offerto a Donati, il quale difetta di cinismo e va troppo molle alla conclusine, rimpallata dai nostri centrali. Palla gol anche per la Biagio al 15’: dalla bandierina la traiettoria di Rossini trova la testa di Giovagnoli e successivamente, sul tocco di quest’ultimo, l’inserimento rapido ma poco coordinato di Pieralisi, che calcia al volo sopra la traversa. La rete che decide l’incontro arriva al 17’: calcio franco di Bastianoni, Bolletta vola coi pugni e respinge corto, Sabattini raccoglie, controlla, osserva la porta sguarnita e con calma “piazza” la palombella beffarda che si adagia in rete. Può pareggiare Parasecoli al 19’, ma la botta da centro area finisce alta. Malavenda sostituisce Gioacchini con Alessandroni, al rientro dopo diversi mesi, e tenta ancora la carta Paialunga, decisiva a Barbara. Tuttavia, per cercare di riequilibrare le sorti dell’incontro, la Biagio si disunisce, prestando il fianco a veloci ripartenze gabiccesi: possono far male Fulvi al 35’ (diagonale sinistro di poco sul fondo), Vegliò al 36’ (tiro a botta sicura ancora una volta respinto da un grande Bolletta) e al 44’ (raddoppio divorato con una sciagurata conclusione alta a due passi dalla linea di porta), mentre al 45’ Brega cerca e trova il corridoio giusto per Alessandroni, la cui pronta battuta in corsa è forte ma leggermente imprecisa. L’ultimo calcio d’angolo, al 49’, finisce con i guantoni di Celato che abbrancano la palla colpita di testa da Giovagnoli, poi cala il sipario con la meritata festa ospite. 

 

Mister Scardovi, una vittoria voluta e sostanzialmente meritata quella della sua squadra oggi a Chiaravalle…

“Faccio un plauso ai miei giocatori, che sono arrivati qui per affrontare la prima della classe e l’hanno fatto con la mentalità giusta. Concordo sul fatto che la vittoria sia meritata, per il gioco che abbiamo espresso e per le occasioni che abbiamo saputo creare. Sono tre punti che ci danno forza e prestigio, ma il campionato è ancora tutto da giocare”.

A questo punto, però, non potete più nascondervi…

“Non ci siamo mai nascosti, questo è il nostro modo di essere. Noi scendiamo in campo per vincere tutte le partite, poi certo non sempre ci riusciamo, perché esistono gi avversari, ma questo è il nostro spirito”.

Si aspettava questa Biagio?

“Nella gara di andata avevo visto una buonissima squadra, ricca di individualità. È una squadra che sa giocare e ti fa giocare, concedendoti qualcosa, oggi noi siamo stati bravi ad attaccarla nei suoi punti più deboli. Comunque la Biagio farà la sua parte fino alla fine, questo è sicuro,  e secondo me anche Osimana e Filottranese potranno rientrare tra le prime”.

 

Giammarco Malavenda, è stato un passo indietro rispetto a Barbara?

“In base al risultato sicuramente sì, però non ho visto una squadra spenta. Non mi è piaciuto solamente il primo quarto d’ora della ripresa. Abbiamo subito la rete su un episodio sfavorevole, anche se è stato molto bravo Sabattini nella giocata, credo sia stata una bella partita da parte di entrambe le compagini. Il Gabicce Gradara ha dimostrato di essere un’ottima squadra. Abbiamo perso, ma anche se avessimo vinto non sarebbe cambiato alcunché, i campionati si vincono ad aprile e non a gennaio. Siamo un punto sotto e proveremo a riprenderci il primato. La Biagio lotterà e si riprenderà, questo è sicuro”.

Mi permetto una domanda da profano: la fisicità di Gioacchini non poteva esserci utile fino alla fine?

“In quel momento ho pensato di metterla più sulla velocità. Alessandroni stava bene, aveva completamente recuperato e ho scelto in tal senso. Poi, di fatto, le occasioni per pareggiare le abbiamo avute, anche se inevitabilmente ci siamo esposti alle loro ripartenze. Faccio i complimenti al Gabicce Gradara. Noi abbiamo perso una battaglia, ma la guerra è ancora in corso”.

 




Biagio Nazzaro vs Gabicce Gradara assegna la vetta del girone a di promozione

di ANDREA ROSSI

12/01/2020


Biagio Nazzaro vs Gabicce Gradara assegna la vetta del girone a di promozione

 

 Seguici su Facebook: MARCHESPORT

 

 

CHIARAVALLE Per la prima volta dall’inizio della stagione la Biagio Nazzaro può permettersi la soddisfazione di guardare tutti dall’alto in basso. La classifica cortissima spinge alla cautela, da qui in avanti ogni incontro vale doppio, riducendosi le possibilità di recupero. La seconda di ritorno, per molti aspetti, è già uno spareggio anticipato. Non è un incontro decisivo, ma riveste comunque un’importanza fondamentale. Di fronte ci sarà la vera sorpresa del torneo, che ha perso il primato appena sei giorni fa e che vede la possibilità di riconquistarlo proprio in terra chiaravallese. La gara di andata servì per conoscere appieno il potenziale della squadra di Scardovi. I rossoblù ne uscirono con un pareggio, rimediato con grinta e carattere, doti viste anche a Barbara e che sono parte integrante del “patrimonio genetico” che mister Malavenda ha saputo trasmettere al gruppo. Il Gabicce Gradara è una signora squadra e i numeri lo dimostrano. L’ultima sconfitta rimediata dal team di Scardovi fu a Osimo e, d’altra parte, si registra nei bianco-rosso-blu una propensione particolare nel “viaggiare”, avendo fatto bottino pieno in trasferta per ben quattro volte, proprio come la Biagio. Partita dunque insidiosa ma, come sottolineato dallo stesso mister nel dopo gara di Barbara, tutte le sfide sono difficili, per cui non cambia molto in merito all’obiettivo, che è quello dei tre punti.

Fischio d’inizio domenica alle 14.30. Tutti disponibili i rossoblù: Giovagnoli e Santoni rientrano dalla squalifica, per cui solo i problemi di Malavenda, stavolta, saranno solo di abbondanza. Direttore di gara designato è Michele Sgro, della sezione di Albano Laziale. A Bellagamba di Macerata e Tidei di Fermo il compito di assisterlo al meglio.

A margine, vorremmo auspicare una maggior presenza di pubblico rispetto ai consueti desolanti vuoti. La squadra è prima, vuole tornare in Eccellenza, sta dando il meglio di sé e merita di più.

I precedenti

Il Gabicce Gradara è stato fondato nel 2010 e non ci sono precedenti con i rossoblù di Chiaravalle. A Gradara, nel frattempo, la squadra della frazione Fanano è stata ribattezzata con il nome del capoluogo comunale, per cui esiste un “altro” Gradara, che milita in Seconda Categoria. Esaminando separatamente i confronti con le due società originarie, i cui ultimi al Comunale risalgono a ben trentotto anni fa, si osservano precedenti favorevoli alla Biagio. Si contano infatti 2 vittorie e 1 pareggio contro il Gabicce, con 5 reti fatte e nessuna subita; 3 vittorie e 1 sconfitta (gol di Pedini) contro il Gradara, con 5 reti fatte e 2 subite.

 



Vuoi commentare questa notizia ? Effettua il login o registrati



PUBBLICITA'

PUBBLICITA'