In questo sito utilizziamo cookies propri e di terze parti per migliorare la navigazione e poter offrire contenuti e messaggi pubblicitari personalizzati. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra (Informativa). Nelle impostazioni del tuo browser puoi modificare le opzioni di utilizzo dei cookie.


Volley

Civitanova-Ravenna 3-0 (25-21, 25-23, 25-19)

Consar, una sconfitta a Civitanova con molto onore

10/02/2020


Civitanova-Ravenna 3-0 (25-21, 25-23, 25-19)

 

 

 

Al cospetto della Lube, campione d’Italia e d’Europa, Saitta e compagni si fermano dopo due vittorie di fila ma offrono una prestazione molto dignitosa, con i primi due set persi in volata e un terzo tenuto vivo a lungo

 

La Lube respinge ancora la Consar. Non basta alla squadra di Bonitta essere reattiva, convinta e tenace, capace di restare sempre in partita, contro i campioni d’Italia e del mondo per evitare la sconfitta. La Consar perde in volata i primi due set e resta a lungo in piedi nel terzo, trovando spinta dalla sua energia verde con Batak e con Stefani, il più giovane di tutti, che si ritaglia la sua vetrina chiudendo con 7 punti, e due ace, e un rilevante 56% in attacco. La Lube sfrutta al massimo la vena di Simon: all’andata entrò nel finale e tolse le castagne dal fuoco a un Lube in chiara difficoltà contro una Consar che stava firmando l’impresa. Questa volta il centrale cubano ha fatto la differenza fin dall’inizio dando un aiuto concreto (16 punti, 4 ace, due muri e un 91% in attacco) per conquistare il successo.

La cronaca della partita Sestetto confermato per Bonitta, un cambio per De Giorgi rispetto al sestetto che ha perso a Modena: c’è Anzani al posto di Bieniek al centro in coppia con Simon.Si fa sentire subito l’ex Rychlicki: sono suoi i primi due punti del match. Risponde Lavia che piazza tre punti di fila, tra cui un muro su Rychlicki, per il sorpasso Consar (3-4). Due muri di Cortesia danno il là al primo allungo degli ospiti (7-10), propiziato da Vernon-Evans e Grozdanov, con De Giorgi costretto al time-out. Un ace di Simon corona l’inseguimento della Lube (13-13) nel contesto di un set che scorre poi sul filo dell’equilibrio fino al 21 pari. Qui Rychlicki e Juantorena siglano i punti dello strappo che vale il set, chiuso 25-21 da un muro di Bieniek.

Il primo allungo del secondo set è della Lube, che ha Biniek al posto di Anzani, che dal 5 pari piazza un break di quattro punti, che mette in difficoltà la Consar. Bonitta prova a calare le carte Batak e Stefani e arriva la reazione: Ravenna risale a -1 (13-12), con un ace di Grozdanov. La Lube frena la rimonta ospite piazzando un altro mini-allungo per il +3 (17-14) con Simon. Entrano anche Recine e Alonso per Ter Horst e Cortesia. Un punto di Lavia e un ace di Stefani riportano Ravenna a -1 (21-20) ed è il muro di Batak su Kovar a siglare il 22 pari. Qui sale in cattedra Simon che firma gli ultimi tre punti della sua squadra, compreso l’ace finale, e il conseguente 2-0.

Si riparte nel terzo set con Batak e Stefani nello starting six e la Consar, per nulla rassegnata al suo destino, si porta sul 2-4 (Lavia e Ter Horst) e poi sul 3-6 (errore di Juantorena). Il time out di De Giorgi sveglia la Lube che al ritorno in campo si avventa sulla Consar e piazza un break sanguinoso, ancora con Simon protagonista, portandosi sul 16-10. Entra Cavuto e la Consar prova a risalire la corrente salendo a -3 (17-14) arrendendosi poi a due ace di Juantorena che ripristinano le distanze e accompagnano la Lube al successo per 3-0.

 

Il commento di Bonitta “Peccato per il secondo set, perché l’avevamo quasi ripreso, ma Simon ha fatto gli straordinari, soprattutto in battuta, con l’ultima molto bella, però i ragazzi non hanno mai mollato; anche nel terzo set, pur se sempre sotto, e secondo me avere chiuso a 19 è un po’ pesante, hanno tenuto fino in fondo e quello che dovevamo fare l’abbiamo fatto, compreso in battuta. Questo è il nostro dna, anche se perdiamo di dieci dobbiamo comunque giocarci la partita fino in fondo. Ci siamo confrontati con una squadra fortissima, e abbiamo tenuto”.

 

 

Seguici su Facebook: VOLLEY  EMILIAROMAGNA

 

Il tabellino

 

Civitanova-Ravenna 3-0 (25-21, 25-23, 25-19)

 

CUCINE LUBE CIVITANOVA: Bruno 1, Rychlicki 11, Simon 16, Anzani 2, Juantorena 11, Kovar 9, Balaso (lib.), Diamantini 2, Bieniek 3. Ne: D’Hulst, Marchisio, Massari. All.: De Giorgi.

CONSAR RAVENNA: Saitta, Vernon-Evans 3, Cortesia 5, Grozdanov 8, Ter Horst 7, Lavia 12, Kovacic (lib), Stefani 7, Recine, Batak 1, Alonso, Cavuto. Ne: Bortolozzo, Marchini (lib.). All.: Bonitta.

ARBITRI: Curto di Gorizia e Caretti di Guidonia.

NOTE: Durata set: 28’, 28’, 29’, tot. 85’. Civitanova (8 bv, 13 bs, 6 muri, 7 errori, 54% attacco, 58% ricezione, di cui 33% perfette) Ravenna (3 bv, 12 bs, 7 muri, 8 errori, 42% attacco, 39% ricezione, di cui 21% perfette). Ammonito Juantorena. Spettatori. 2976 per un incasso di 29.412 euro. MVP: Simon.

 

Ufficio stampa Porto Robur Costa

Massimo Montanari 




Consar al cospetto dei campioni d’Italia e del mondo

08/02/2020


Consar al cospetto dei campioni d’Italia e del mondo

 

 

 

Sull’onda lunga di due successi consecutivi, con la serenità di chi sa di avere raggiunto con abbondante anticipo il traguardo stagionale, con la voglia di continuare a stupire e con l’idea in testa ora di fissare un nuovo obiettivo: tutto questo è il carico in più che la Consar ha messo sul pullman che oggi la porta a Civitanova dove domani pomeriggio, alle ore 18, all’Eurosuole Forum (arbitrano Curto di Gorizia e Caretti di Guidonia, diretta come sempre su Eleven Sports) affronta i campioni d’Italia e del mondo della Lube. Non c’è solo la dichiarata forza e qualità dei cucinieri, in testa a questa SuperLega dalla prima giornata anche se la sconfitta di mercoledì è costato l’aggancio in vetta di Perugia, a dare i contorni delle difficoltà del match per la Consar. Anche alcuni numeri non danno conforto alla truppa di Bonitta che all’Eurosuole non ha mai conquistato punti e dove, al contrario, la Lube, nella quale giocano gli ex Diamantini e Rychlicki, va a punti ininterrottamente da 24 partite dopo lo 0-3 con Perugia dell’1 novembre 2018, e in quell’arco di gare ne ha perso solo una, in questo campionato (2-3 con Milano).

Nel match d’andata la Consar seppe giocare una delle più belle partite di questa stagione, costringendo la squadra di De Giorgi al primo tie break. “E’ stato un grande risultato aver fatto un punto all’andata con loro - ricorda Marco Bonitta, coach della Consar - che erano in formazione rimaneggiata e sarebbe veramente sontuoso replicare quell’impresa, ma le storie non si ripetono e quindi ci aspettiamo una partita davvero molto difficile, anche se dalla nostra parte abbiamo la consapevolezza di non essere legati a questa o ad altre partite per il prosieguo della nostra stagione. Anche se la matematica non ha bocciato né premiato qualcuno finora, siamo perfettamente consci che con la vittoria su Cisterna il nostro orizzonte è cambiato: abbiamo tanti punti, ci sono distacchi evidenti, stiamo giocando anche bene, cominciamo a guardare un po’ di più la classifica pensando ad un altro obiettivo, anche se per noi non cambia sostanzialmente nulla nel modo di lavorare in palestra e nell’approccio alle partite”.

E non cambia neppure ciò che Bonitta vuole vedere dalla sua squadra. “Intanto abbiamo ritrovato dopo la sosta con grande fatica quella struttura e quella base di gioco che abbiamo mostrato nel girone d’andata. Fondamentalmente, voglio vedere l’atteggiamento e la mentalità vincente, che non vuol dire vincere per forza, ma significa che credo di potercela fare perché ho i mezzi per potercela fare; voglio vedere una squadra, come ho avuto modo di dire tante volte, che non molla mai, cioè la squadra che Ravenna ha sempre voluto, che la società vuole e che io voglio, la squadra che per tutto quanto ha fatto finora merita gli applausi di tutti”. E merita di provare a giocarsi un posto al sole dei playoff.

 

Intanto cresce l’attesa in città per la supersfida di domenica 16 febbraio al Pala De Andrè contro la Sir Safety Conad Perugia, per la quale continua la prevendita dei biglietti sul circuito vivaticket. La prevendita si chiuderà il giorno stesso della partita alle 10. In settimana sarà possibile acquistare il biglietto anche recandosi in sede, in via Trieste da lunedì a venerdì dalle 8.30 alle 12.30.

 

 

Ufficio stampa Porto Robur Costa

Massimo Montanari



Vuoi commentare questa notizia ? Effettua il login o registrati



PUBBLICITA'

PUBBLICITA'