In questo sito utilizziamo cookies propri e di terze parti per migliorare la navigazione e poter offrire contenuti e messaggi pubblicitari personalizzati. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra (Informativa). Nelle impostazioni del tuo browser puoi modificare le opzioni di utilizzo dei cookie.


Calcio

CS Loreto settore giovanile e scuola calcio Obbiettivi primari della società

21/02/2019


CS Loreto settore giovanile e scuola calcio Obbiettivi primari della società

 

Il C.S. Loreto da sempre fa del settore giovanile e della scuola calcio, riconosciuta dalla FIGC, uno degli obbiettivi primari, il vivaio vanta oltre 200 iscritti, oltre tecnici qualificati, tra questi abbiamo incontrato l’allenatore con qualifica UEFA B Alessio Antonietti che dirige la squadra Allievi ed è responsabile dei Primi Calci.

Mister dopo che per alcuni anni ha “girovagato” nelle società limitrofe, è ritornato a Loreto che effetto le fa:  «Per me che sono loretano doc allenare a Loreto è sempre motivo di orgoglio, in società ho trovati un nuovo team con obbiettivi e progetti stimolanti ed interessanti, ed è stato il motivo primario che mi ha spinto a ritornare a Loreto»  

Come sta cambiando il settore giovanile «oggi, purtroppo, c’è l’ossessione del risultato immediato ed a tutti costi, quando invece deve arrivare come conseguenza di un progetto a medio periodo, anche perché oltre ad insegnare calcio bisogna anche guardare l’aspetto educativo dei ragazzi e insegnare lo spirito di gruppo ed il rispetto degli avversari e direttori di gara » 

In qualità di responsabile Primi Calci ci illustri i programmi «, in qualità di responsabile Primi Calci ho degli istruttori preparati e motivati c’è un ottimo progetto in corso e considerando la fascia di età, l’attività primaria è ludica e sociale e fin ora mi ha dato molte soddisfazioni»

A livello agonistico è allenatore della squadra Allievi gli obbiettivi « il gruppo degli Allievi è valido e coeso e questo facilita il mio compito di allenatore tutti i ragazzi sono partecipi del progetto e sanno che tutti hanno la possibilità di dimostrare quello che sanno fare in campo, cosa non sempre scontata nei vivai, considerando anche la percentuale di abbandono , non sono certo io ad impedire ad un ragazzo di 15 anni il sogno di giocare al calcio. L’obbiettivo principale è preparare i ragazzi per la prima squadra, e devo confessare che ci sono dei buoni elementi»

C’è una formula per preparali per il futuro «intanto da parte mia che li dirigo, aggiornarsi continuamente, poi avere credibilità e coerenza  verso i ragazzi e fargli capire che il risultato conta fino ad un certo punto e che più che il singolo conta il gruppo,  e dico spesso che i giocatori non sono tutti uguali ma le regole sono identiche per tutti, poi si vince o si perde tutti insieme»

Giovanni Pespani.

 



Vuoi commentare questa notizia ? Effettua il login o registrati



PUBBLICITA'

PUBBLICITA'