In questo sito utilizziamo cookies propri e di terze parti per migliorare la navigazione e poter offrire contenuti e messaggi pubblicitari personalizzati. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra (Informativa). Nelle impostazioni del tuo browser puoi modificare le opzioni di utilizzo dei cookie.


Futsal

Il punto in casa Buldog Lucrezia

15/03/2020


Il punto in casa Buldog Lucrezia

 

 

Il Buldog Lucrezia è in pausa in questo stop legato al Coronavirus. Rimane da capire l'evoluzione della situazione, per vedere se questa stagione andrà a termine oppure no. Per i ragazzi di mister Roberto Osimani si tratta della prima stagione nel campionato di A2, un traguardo storico per la giovane società di Lucrezia, che comunque si sta disimpegnando bene nel secondo torneo nazionale. "In estate la società ha deciso di indirizzare le risorse economiche per un progetto di lungo termine - commenta Mauro Pedinelli consulente del Buldog Lucrezia - infatti si è cercato di puntare sulle strutture societarie, come il campo di calcio a 5 all'aperto o quello di beach volley, oltre all'acquisto di due pulmini societari. Si è voluto creare una struttura solida per il presente e per il futuro, cercando di lavorare pure sul settore giovanile anche se la volontà è quella di lavorare ad una vera e propria scuola calcio, come succede in altre realtà europee. Poi per esempio abbiamo puntato anche sull'aspetto della comunicazione, che è molto importante, e grazie al lavoro del nostro ufficio stampa siamo una delle poche società del girone che trasmette le partite interne in diretta streaming. Si sta lavorando in generale per un progetto di ampio respiro e per creare una società con una struttura da serie A". Parlando invece dell'aspetto calcistico, la squadra sta lottando per la salvezza. "Come detto si è deciso di optare per un progetto più ampio - continua Pedinelli - Avremmo potuto ingaggiare, come fanno tante squadre, dei giocatori sudamericani e poi magari tra un paio d'anni saremmo scomparsi dal panorama calcistico, come succede a qualcuno. Invece no, la politica di crescita societaria ci ha portato a fare delle scelte precise e quindi siamo partiti con una squadra giovane a parte Vitale, Duvancic e Corvatta, anche se quest'ultimo comunque è un '93. Essendo una formazione giovane è normale che ci siano degli alti e bassi, inoltre siamo stati condizionati da alcuni infortuni e, non avendo una rosa lunghissima, in alcune partite abbiamo pagato dazio. In alcune occasioni siamo stati sfortunati, in altre abbiamo sottovalutato alcune situazioni ed abbiamo peccato di superficialità, però rimango dell'idea che dal punto di vista tecnico abbiamo le carte in regola per salvarci. In attesa di vedere - conclude Pedinelli - l'evolversi degli eventi".

 

Matteo Valeri

Ufficio Stampa Asd Buldog Lucrezia

 

 

 



Vuoi commentare questa notizia ? Effettua il login o registrati



PUBBLICITA'

PUBBLICITA'