In questo sito utilizziamo cookies propri e di terze parti per migliorare la navigazione e poter offrire contenuti e messaggi pubblicitari personalizzati. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra (Informativa). Nelle impostazioni del tuo browser puoi modificare le opzioni di utilizzo dei cookie.


Volley

Lardini Filottrano vs Il bisonte Firenze 3-2

11/03/2018


Lardini Filottrano vs Il bisonte Firenze 3-2



 

Osimo (An). Orgoglio, cuore e una vittoria amara che non basta ad operare il sorpasso su Bergamo. Il quoziente set, a parità di punti, premia la Foppapedretti, ma la Lardini chiude il suo primo campionato di serie A1 a testa altissima, dopo un girone di ritorno stratosferico. Lardini subito avanti (3-1), Il Bisonte è ben registrato a muro (Santana per il 5-6), ma prima Mitchem e poi Tomsia (8 punti nel set con l’82%) rimandano in fuga Filottrano (12-9). Sono tre punti consecutivi di Scuka a far segnare il +4 (17-13) di una Lardini che attacca con il 57% e che con il muro di Mitchem vola sul 21-15. Il quinto block del set (Scuka) fa segnare l’1-0 filottranese. La formazione di Nica trae beneficio ancora dal muro (Bosio, per il 6-4), Caprara si affida ad Alberti (per Ogbogu), ma è con il muro-difesa che Firenze stoppa la corsa della Lardini: Tirozzi e Santana mettono la freccia (12-14), il block di Alberti allarga il gap (14-17). Tomsia prova a ricucire (16-17), il servizio di Santana e i punti di Sorokaite (7 nel set) spingono lontano Il Bisonte (17-21), che impatta il conto dei set sull’errore al servizio di Tomsia. Il Bisonte riparte con Ogbogu al centro in coppia con Alberti e con una Santana particolarmente incisiva (4-7). La Lardini soffre il servizio di Dijkema e si appoggia ai muri di Mazzaro e Mitchem per risalire la china (7-9). Il pareggio lo firma Tomsia (9-9), il sorpasso arriva grazie all’errore in attacco di Tirozzi (12-11). Sbaglia anche Santana (15-13) e Di Iulio la sostituisce: mossa azzeccata, perché dopo il muro di Sorokaite è proprio Di Iulio a firmare il controsorpasso (15-16). Bosio affida a Tomsia i palloni che scottano, ma è un’invasione filottranese a dare il doppio vantaggio alle toscane (18-20). Le fast di Ogbogu (6 punti con l’83% di efficacia) e l’attacco di Di Iulio garantiscono due palle-set al Bisonte (22-24), che la Lardini annulla con la doppia fischiata a Dijkema e l’ace di Scuka (24-24). Gli extrapoint regalano mille emozioni, con Firenze che mantiene sempre il vantaggio e Filottrano che con Mitchem e il terzo muro nel set di Tomsia arriva ad annullare sei palle-set. La settima è quella fatale, con il servizio di Tirozzi che si spegne sulla riga di fondo campo (28-30). La Lardini riparte dall’ace di Bosio (3-2), ma deve rincorrere (4-7) un Bisonte che spinge con Tirozzi (9 punti nel set). Filottrano ricuce con il tocco di seconda di Bosio e l’ace di Hutinski (11-11), Firenze rilancia con il muro di Alberti e il primo tempo di Ogbogu (12-15). Feliziani è il solito baluardo, Tomsia (8 punti e il 57%) e Scuka (5 punti e il 71%) garantiscono punti a una Lardini che mette la freccia (18-17) e si invola con Mitchem (23-19). Sull’insidioso servizio di Gamba è Scuka a consegnare cinque set-point (24-19) alla formazione di Nica, Tirozzi ne annulla un paio (24-22), Tomsia sfrutta le mani del muro per allungare la gara al tie-break. Mazzaro e Mitchem lanciano la Lardini in avvio di quinto set (2-0), l’ace di Tirozzi ribalta il risultato (3-4), Filottrano sfrutta gli errori del Bisonte e l’attacco di Scuka per girare campo sull’8-5. Hutinski alza il muro (9-5), Santana guida la rimonta di Firenze (9-8) che si ferma sul muro di Hutinski (10-8). E’ ancora la slovena (in fast) a firmare il nuovo +3 (12-9), gap ridotto da Sorokaite (12-11). Bosio affida i palloni che scottano a Mazzaro, che non sbaglia (14-12). Ogbogu a muro annulla il primo match-ball, ma Firenze nulla può sull’attacco di Scuka.

 

LARDINI FILOTTRANO – IL BISONTE FIRENZE 3-2

LARDINI FILOTTRANO: Bosio 4, Tomsia 26, Mazzaro 9, Hutinski 8, Mitchem 20, Scuka 19, Feliziani (L); Gamba. N.e.: Negrini, Agrifoglio, Cogliandro (L2), Taylor, Pomili. All. Nica - Quintini.

IL BISONTE FIRENZE: Dijkema 2, Sorokaite 18, Ogbogu 14, Milos 3, Santana 13, Tirozzi 24, Parrocchiale (L); Alberti 9, Di Iulio 4, Pietrelli. N.e.: Bonciani. All. Caprara - Cervellin.

ARBITRI: Piperata - Licchelli.

PARZIALI: 25-18 (24’), 20-25 (26’), 28-30 (33’), 25-22 (27’), 15-13 (18’).

NOTE: spettatori 2.400 circa. Lardini: battute sbagliate 12, battute vincenti 3, muri 13, ricezione positiva 59% (35% perfetta), attacco 38%. Firenze: b.s. 9, b.v. 6, mu. 11, ric. pos. 60% (20%), att. 37%.



Pierfrancesco Chiavacci
Capo Ufficio Stampa e Media Relations
Polisportiva Filottrano Pallavolo SSDRL




Lardini, ultimo atto contro Firenze. Coach Nica: “E’ come una finalissima”

10/03/2018


Lardini, ultimo atto contro Firenze. Coach Nica: “E’ come una finalissima”

Dalle finali alla finalissima, perché l’ultimo atto della Samsung Galaxy Volley Cup di A1 assomiglia davvero ad una gara secca. La speranza della Lardini di conservare un posto in massima serie passa per il confronto del PalaBaldinelli di sabato sera (ore 20:30, arbitri: Gianfranco Piperata e Antonio Licchelli) contro Il Bisonte Firenze, gara dalla quale provare a trarre il massimo. “Il nostro unico pensiero è vincere la nostra partita – sottolinea l’allenatore della Lardini, Giuseppe Nica – senza pensare, né prima e né durante, a quello che accade a Monza (dove è impegnata Bergamo, che alla vigilia dell’ultimo turno può contare su un punto in più rispetto a Filottrano, ndr). Sappiamo che se arriveremo a 20 punti in classifica avremo fatto un’impresa, ma siamo anche consapevoli che 20 punti potrebbero non bastare. Il nostro obiettivo era questo: arrivare all’ultima giornata ancora in corsa per mantenere la categoria. Il nostro compito è cercare di vincere contro Firenze, poi vedremo se saremo premiati con la ciliegina della salvezza. Ci stiamo preparando al meglio, concentrati su quello che dobbiamo fare. Sappiamo che è una finalissima nella quale ci giochiamo tutto e non lasceremo niente di intentato”. Niente conti o ipotesi, solamente la stessa ferrea determinazione che ha portato la Lardini a questo atto conclusivo del torneo. Per nulla comodo, considerando il valore di un Bisonte Firenze che sotto la guida di coach Caprara ha ottenuto eccellenti risultati, non ultimo l’aver già obliterato il biglietto per i playoff. “Affrontiamo una squadra che a gennaio si è rinforzata (con gli arrivi della tricolore Dijkema in regìa e della statunitense Ogbogu al centro al posto dell’infortunata Tapp, ndr), che gioca una bella pallavolo e che si è meritatamente guadagnata i playoff. Non sarà affatto semplice, ma vogliamo provarci. La tensione? Nelle ultime due gare eravamo nell’identica situazione di oggi, ma le ragazze hanno dimostrato di saper reggere bene la pressione. Giochiamo in casa e per noi il nostro pubblico rappresenta un valore aggiunto, una spinta emotiva in più. I nostri tifosi ci sono sempre stati e sono certo che anche stavolta sapranno darci una grande mano nei momenti difficili della partita”. Di sicuro il PalaBaldinelli offrirà un notevole colpo d’occhio per una partita che sta richiamando l’attenzione anche oltre i confini regionali. La Lardini Volley per l’occasione ha voluto incentrare la promozione dell’evento verso i giovani e le famiglie, con iniziative rivolte agli studenti e ai tesserati Fipav della provincia di Ancona.

 

 

 

Pierfrancesco Chiavacci

Capo Ufficio Stampa e Media Relations

Polisportiva Filottrano Pallavolo SSDRL



Vuoi commentare questa notizia ? Effettua il login o registrati



PUBBLICITA'

PUBBLICITA'