In questo sito utilizziamo cookies propri e di terze parti per migliorare la navigazione e poter offrire contenuti e messaggi pubblicitari personalizzati. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra (Informativa). Nelle impostazioni del tuo browser puoi modificare le opzioni di utilizzo dei cookie.


Basket

Marco Belinelli e Danilo Gallinari: l’NBA si colora d’azzurro

25/06/2019


Marco Belinelli e Danilo Gallinari: l’NBA si colora d’azzurro

Negli ultimi anni stiamo assistendo con sempre maggiore frequenza ad una internazionalizzazione dell'NBA e sono sempre di più i cestisti europei che stanno riuscendo ad imporsi ai massimi livelli del basket mondiale. L’Italia, in un simile contesto, vanta due rappresentati d’eccezione che soprattutto nelle ultime stagioni sono riusciti a ritagliarsi uno spazio sempre maggiore con le proprie squadre. Come gli appassionati di basket hanno già intuito stiamo parlando di Danilo Gallinari e Marco Belinelli, due giocatori che, seppur per caratteristiche tecniche e fisiche siano completamente diversi tra loro, sono diventati dei pilastri delle franchigie di appartenenza. A godere della loro costante crescita e della loro maturità cestistica c’è anche il coach della nazionale azzurra Meo Sacchetti che spera di avere entrambi a disposizione nella prossima avventura mondiale che vedrà impegnati gli azzurri in Cina dal 31 agosto al 15 settembre. La nazionale italiana, di cui dovrebbero far parte anche Melli e Datome, mai come in questa edizione crede nel passaggio del turno e chissà che questa non possa essere la volta buona per tornare sul tetto di una competizione internazionale.

 

 

Danilo Gallinari, il leader dei Los Angeles Clippers

 


Danilo Gallinari, cresciuto cestisticamente
nell’Armani Jeans Milano, oggi Olimpia Milano, in NBA ha faticato e non poco per ritagliarsi lo spazio che meritava. Già nella sua precedente esperienza a Denver, il Gallo aveva fatto intendere di essere un cestista in grado di ricoprire il ruolo di leader tecnico ed emotivo di una franchigia. In quell’occasione, tuttavia, a causa di un brutto infortunio al ginocchio era stato costretto ad abbandonare i suoi compagni proprio alla vigilia dei play-off ed aveva visto sfumare il sogno di mettersi in mostra anche in Post Season. In questa stagione, dopo la partenza dei Paul, Jordan e Griffin, Gallinari si è di colpo trovato al centro del progetto dei Los Angeles Clippers che, sotto l’attenta guida di coach Doc Rivers, ha deciso di costruire attorno a lui il nuovo progetto della franchigia californiana. Dopo un inizio complicato, faticando duramente e grazie al fondamentale apporto dei Beverly, è così giunto il meritato accesso ai playoff dove al primo turno i Clippers hanno dovuto vedersela con i Golden State Warriors campioni in carica. In una serie di play-off che in molti avevano previsto si sarebbe conclusa con un sonoro risultato di 4-0, come raccontato anche da Sky Sport, i Clippers hanno sorpreso per la propria solidità e per la loro forza emotiva, facendo intendere in più di un’occasione che il passaggio del turno potesse essere un’impresa tutt’altro che irrealizzabile. Seppur alla fine i Clippers siano usciti sconfitti da quella serie con il risultato di 4-2, l’impressione è che Danilo Gallinari ed i suoi compagni abbiano gettato delle solide basi per puntare nei prossimi anni l’assalto al titolo. Titolo che al 14 di maggio, secondo le scommesse online a quota 1,60, dovrebbe essere vinto proprio dai Golden State Warriors, anche se Toronto e Milwaukee, nella Eastern Conference, hanno dimostrato di essere squadre in forte crescita ed in grado di battere chiunque. Proprio i Raptors ed i Bucks, guidati rispettivamente da Leonard ed Antetokounmpo, saranno chiamati a giocarsi al meglio delle sette gare l’accesso alla finale NBA in una sfida che promette spettacolo.

 

Marco Belinelli: l’intelligenza al potere

 


Come nella migliore tradizione dei cestisti europei approdati in NBA, anche la carriera di Marco Belinelli ha avuto inizio in patria. Nello specifico, il talento di San Giovanni in Persiceto ha iniziato a muovere i primi passi sul parquet di casa con la maglia della Fortitudo Bologna ma, come accaduto anche a Danilo Gallinari, i primi anni il suo percorso in NBA sono stati caratterizzati da alti e bassi. Giunto negli States esclusivamente come tiratore-realizzatore, per lo più da tre punti, con il tempo Belinelli ha saputo ritagliarsi un ruolo sempre più importante all’interno delle squadre in cui ha giocato, sino a quando non è riuscito a laurearsi campione NBA con la maglia dei San Antonio Spurs. Sotto la guida dell’onnipresente ed “onnipotente” coach Popovich, Marco ha sensibilmente migliorato tutti gli aspetti del suo gioco sino a diventare un giocatore imprescindibile nelle rotazioni dei texani. Proprio con la maglia degli Spurs, inoltre, Marco è riuscito anche nell’incredibile impresa di aggiudicarsi la gara del tiro da tre punti
all’edizione degli All Star Game 2014, diventando il primo giocatore italiano ad ottenere un simile riconoscimento individuale. Dopo aver lasciato gli Spurs nella stagione passata per accasarsi ai Philadelphia 76’ers, quest’anno Belinelli ha fatto ritorno in Texas ed è risultato fondamentale nella cavalcata degli Spurs verso i play-off. Nonostante avessero contro tutti i favori del pronostico, anche quest’anno, per la stagione consecutiva numero 22, i texani sono riusciti a conquistarsi l’accesso alla Post Season. Ai playoff gli Spurs hanno ulteriormente innalzato l’asticella del proprio gioco ed hanno seriamente rischiato di vincere la serie contro i Denver Nuggets, salvo poi capitolare in gara sette sotto i colpi di uno straordinario Nikola Jokić, autore di una serie in tripla doppia di media. La sensazione, ad ogni buon conto, è che il progetto Spurs sia tutt’altro che finito e che al centro di questo progetto Popovich abbia deciso di mettere proprio il talento di San Giovanni in Persiceto.

 


Quando la stagione NBA è finalmente entrata nel vivo e stanno per iniziare le NBA Finals della Eastern e della Western Conference, l’attenzione di Marco Belinelli e di Danilo Gallinari è già rivolta verso la prossima stagione, con la consapevolezza di poter continuare a scrivere pagine indimenticabili per il basket azzurro.

 



Vuoi commentare questa notizia ? Effettua il login o registrati



PUBBLICITA'

PUBBLICITA'