In questo sito utilizziamo cookies propri e di terze parti per migliorare la navigazione e poter offrire contenuti e messaggi pubblicitari personalizzati. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra (Informativa). Nelle impostazioni del tuo browser puoi modificare le opzioni di utilizzo dei cookie.


Rugby

Matteo Piccioli alla Pesaro Rugby

Alla Pagano & Ascolillo un più che gradito ritorno

12/08/2019


Matteo Piccioli alla Pesaro Rugby

Un acquisto che è un vero e proprio ritorno alla casa madre. A vestire la maglia della Pagano & Ascolillo Pesaro Rugby nella stagione 2019/20 sarà il pesarese Matteo Piccioli, negli ultimi due anni in prestito al Colorno, squadra con cui la passata stagione ha vinto la Serie A conquistando la massima serie del Top 12. “Ho visto che Pesaro in questi due anni è cresciuta e ho grande piacere di tornare. Me ne ero andato per motivi di studio, ma visto che a dicembre prenderò la laurea in Ingegneria civile ho pensato che potevo tornare e giocare per la mia città”. Quale l’emozione nel tornare a vestire i colori giallorossi? “Dire che sono contento è poco. Ammetto che la scelta non è stata semplice, ma il calore che ho sentito da parte della squadra attuale durante questa estate mi ha fatto superare questa indecisione”.  

 

Cresciuto nelle giovanili giallorosse e poi in prima squadra nelle stagioni 15/16 e 16/17, hai poi vestito per due anni la maglia della squadra emiliana. Come sei cambiato in questi due anni? “Sono sicuramente cresciuto, mettendomi a confronto con un rugby di livello superiore, dato che abbiamo sempre lottato per il salto di categoria che ci è riuscito al mio secondo anno. Ho trovato una struttura molto organizzata e mi sono dovuto mettere alla prova con compagni e uno staff tecnico che non mi conosceva. Nonostante questo sono riuscito a ritagliarmi il mio spazio, soprattutto nel secondo anno, dove spesso sono stato schierato come ala, e in cui sono riuscito anche a essere nominato man of the match al termine di una partita”.

 

Matteo, classe 98, alto 183 per 93 chili, è facile immaginare che a Pesaro più che da ala sarà utilizzato come  primo centro al fianco di Giorgio Erbolini: “Il ruolo di centro è quello che preferisco, ma sarà il tecnico Mazzucato a scegliere come e se schierarmi. Con Giorgio non ho mai giocato, ma l’ho conosciuto in queste mesi estivi e mi ha decisamente colpito la sua professionalità”.

 

Passi dal giocare un campionato di vertice ad uno in cui si punta, a detta del capitano, alla salvezza. Quali gli stimoli? “Detto che la promozione quest’anno è ancora più complessa dell’anno passato perché accederà ai playoff solo la prima del girone, aldilà degli obiettivi dichiarati, il mio è quello di fare un campionato di livello anche in questa stagione, senza faticare per raggiungere la salvezza”.



Vuoi commentare questa notizia ? Effettua il login o registrati



PUBBLICITA'

PUBBLICITA'