In questo sito utilizziamo cookies propri e di terze parti per migliorare la navigazione e poter offrire contenuti e messaggi pubblicitari personalizzati. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra (Informativa). Nelle impostazioni del tuo browser puoi modificare le opzioni di utilizzo dei cookie.


Calcio | Giovanili

Recanatese: intervista a Michele Tubaldi

13/02/2020


Recanatese: intervista a Michele Tubaldi

 

Focus sul settore giovanile – Michele Tubaldi: “Siamo in una categoria dove il gioco viene prima di tutto”.

 

Abbiamo intervistato ai nostri microfoni Michele Tubaldi. Allenatore molto esperto in possesso del patentino UEFA B. Inizia ad allenare nel 2003 a Recanati e da sempre ha allenato alla Recanatese, solo per due anni č stato lontano dai campi. Insegna Teoria della comunicazione all’Istituto Tecnico di Ancona e ha un’associazione culturale in cui si occupa di progetti europei e servizi di consulenza.

 

Michele, l’Under 14 č un anno importante che segna il passaggio dalla scuola calcio all’attivitā agonistica.

 

“In questa categoria l’obiettivo č proprio quello di far capire l’importanza del passaggio dal gioco all’attivitā agonistica che richiede tutta una serie di componenti diverse a livello mentale, fisico e psicologico. Per la prima volta si confrontano in una gara dove c’č l’arbitro e dove c’č anche una classifica.”

 

I 2006 sono un gruppo molto numeroso.

 

“Il gruppo č composta da 26 ragazzi con quattro portieri. Abbiamo un gruppo molto valido sia a livello umano che dal punto di vista qualitativo. Č un gruppo sano e con dei ragazzi molto seri, esattamente in linea con quello che chiede la societā. Ci tengo ad evidenziare come i ragazzi che ricoprono il ruolo di portiere si sono dimostrati molto maturi, abbiamo sempre condiviso le scelte e le hanno sempre accettate. Ci sono dei ragazzi che sono delle eccellenze su cui dobbiamo puntare in futuro.”

 

Un commento sulla stagione?

 

“Non poniamo l’attenzione sui risultati. Lavoriamo molto sulla tattica individuale ma c’č anche una componente di gioco collettivo. Il principio č quello di sviluppare le azioni dal basso e di giocare sempre la palla. Siamo in una categoria dove il gioco viene prima di tutto e noi ci teniamo tantissimo. Quest’anno la societā ci ha messo nelle condizioni per lavorare al meglio. Stiamo facendo veramente un bel lavoro nella categoria giovanissimi. Mi aiuta Lorenzo Tuzza che, oltre ad allenare i 2005, č il mio collaboratore con i 2006. Il doppio ruolo di Lorenzo ci dā la possibilitā di confrontarci continuamente e di lavorare al meglio con tutte e due le annate.”

 

Seguici su Facebook: MARCHESPORT

 

 

Paolo Piccirillo

Addetto Stampa US Recanatese



Vuoi commentare questa notizia ? Effettua il login o registrati



PUBBLICITA'

PUBBLICITA'