In questo sito utilizziamo cookies propri e di terze parti per migliorare la navigazione e poter offrire contenuti e messaggi pubblicitari personalizzati. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra (Informativa). Nelle impostazioni del tuo browser puoi modificare le opzioni di utilizzo dei cookie.


Calcio

Una s... vista al calcio?

di Valentina Triccoli

09/04/2019


Una s... vista al calcio?

La rubrica di Valentina Triccoli 🖌

 

Nei miei articoli ho spesso parlato di diverse realtà calcistiche, specialmente delle nostre realtà locali ovvero Marchigiane. Oggi parlerò di un’altra squadra , anch’essa unica nel suo genere. Domanda: Chi di noi riuscirebbe a gestire la più banale delle azioni gioco anche fosse per pochi secondi vedendo praticamente poco o niente?! Personalmente non riuscirei nemmeno a toccare palla, i ragazzi in questione si, sto parlando di un gruppo veramente in gamba ; ovvero #

ADRIATICA UICI calcio a cinque Ipovedenti.

L’ Adriatica UICI, è la squadra di Fano - Pesaro calcio a cinque, appunto , per giocatori ipovedenti. Ipovedenti significa per la precisione avere un residuo visivo massimo di 2/60 , categoria B2, e 6 /60 categoria B3. I giocatori totalmente ciechi sono inseriti nella categoria B1 e sono gli unici almeno per ora a partecipare alle Paraolimpiadi.

L’associazione è stata fondata nel 1989 da un’idea di Antonio Falasconi, attuale presidente ed Emilio Brunetti, direttore sportivo, appunto per poter dare l’opportunità anche a questi ragazzi, di poter anche loro portare avanti la loro passione per il calcio non lasciandosi fermare dai propri limiti ma cercando piuttosto di indirizzarli al meglio per creare nuove opportunità.

Da quella se sembrava essere solo un attività ricreativa , invece poi i nostri sono volati molto lontano, raggiungendo risultati che forse nemmeno loro in un primo tempo credevano si potessero mai raggiungere.

Tanto per intendere, ogni anno viene disputato il campionato con la formula di partite con andata e ritorno e alla fine si disputano la Final Four, la Coppa Italia e la Super coppa.

Quest’anno si sono iscritte ben cinque squadre: Cagliari, Treviso, Bergamo Limite e Capraia . Generalmente non si parla di numeri o cifre, ma in questo caso siamo necessari per far capire al meglio il grandissimo lavoro che è stato fatto negli anni e gli obiettivi raggiunti:

5 Campionati

1998/1999 2009/2010 2010/2911 2011/2012 e 2016/2017.

2 Coppe Italia

2006/ 2007 2010/2011

2 Supercoppa Italia

2009/2010 2016/2017

 

I risultati soni stati ottimi, e non è una cosa data per scontata perché in realtà le difficoltà sono tante. Ad esempio gli spostamenti, la maggior parte di loro devono essere accompagnati sia per andare agli allenamenti che nelle eventuali trasferte e quindi i costi sono tutti raddoppiati. Gli allenatori; non sono molti gli allenatori per queste categorie particolari e quindi questo significa che spesso i giocatori devono allenarsi singolarmente seguendo delle schede di allenamento personalizzate e poi quando è possibile ci si allena tutti insieme , quest’anno i ragazzi sono riusciti ad allenarsi come squadra per quattro volte e quasi sempre a Bologna dato che la loro allenatrice risiede lì e non sempre riesce a venire fino a Pesaro. Questo piccolo scorcio fatto mi fa apprezzare ancora di più tutte queste persone che nel corso dei miei articoli ho avuto il piacere e l’onore di intervistare e

Spero vivamente che associazioni come queste possano prosperare e crescere sempre più perché penso che tutti abbiamo bisogno di un ritorno ai vecchi valori del calcio , dove l’agonismo è solo un dettaglio ma la sostanza del gioco è ben altro.


Vi lascio con questo video di una loro partita:

https://www.facebook.com/1046267475546980/posts/1179886355518424?sfns=mo

 

Tratto dal blog di Paolino Giampaoli



Vuoi commentare questa notizia ? Effettua il login o registrati



PUBBLICITA'

PUBBLICITA'