In questo sito utilizziamo cookies propri e di terze parti per migliorare la navigazione e poter offrire contenuti e messaggi pubblicitari personalizzati. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra (Informativa). Nelle impostazioni del tuo browser puoi modificare le opzioni di utilizzo dei cookie.


Calcio

Vastogirardi vs Sangiustese 1-1

01/12/2019


Vastogirardi vs Sangiustese 1-1

VASTOGIRARDI – SANGIUSTESE 1-1

 

VASTOGIRARDI (4-3-3): Caparro, Lepore, De Vizia, Di Lullo, Nespoli, Mikaylowski, Varsi, Fazio (17’ st D’Aguanno), De Feo (24’ st Grazioso), Pettrone (38’ st Gargiulo), Gentile (22’ st Coia). A disposizione: Luglio, Di Stadio,Perrino, Barile, Fatone. Allenatore: Francesco Farina.

SANGIUSTESE (4-3-3): Chiodini, Zannini, Orazzo (3’ st Basconi),Perfetti, Patrizi, Scognamiglio, Manari (11’ st Boschetti), Palladini Alessio, Mingiano (38’ st Mengoni), Proesmans, Romano (11’ st Palladini Mattia). A disposizione: Raccio, Bambozzi, Doci, Amabile, Ercoli. Allenatore: Stefano Senigagliesi.

ARBITRO: Sig. Emanuele Ceriello della sezione di Chiari.

ASSISTENTI: Sig. Andrea Cecchi della sezione di Roma 1 e Sig.na Mara Mainella della sezione di Lanciano.

RETI: 14’ st Mingiano, 27’ st Varsi (rig)

NOTE: corner 10-1; ammoniti Romano, Mikaylowski, Gentile e Pettrone; recupero 1’ + 3’.

 

AGNONE – Al Civitelle di Agnone la Sangiustese impatta 1-1 con il Vastogirardi proseguendo la striscia positiva prima del difficile anticipo di sabato prossimo in casa con il Campobasso reduce dalla brillante vittoria con la Recanatese.

La seconda lunga trasferta consecutiva frutta un altro punto importante per i ragazzi di Senigagliesi, ottenuto su un campo sempre difficile per velocità e clima atmosferico e ambientale.

Ritmi indiavolati sin dall’avvio per i guizzanti padroni di casa, subito alla ricerca del varco giusto per fare male ed indirizzare l’incontro.

Confermata la squalifica di tre giornate inflitta al difensore Sergio Ruggeri dopo la gara con il Montegiorgio e privo anche di Kyeremateng (squalificato) e di Corbo infortunato, mister Farina spostava Gentile in avanti e gettava all’arrembaggio Varsi, Fazio e Pettrone, i quali nei primi 45’, pur sfondando più volte su entrambe le corsie, trovavano sempre a fare ottima guardia della propria porta un super Chiodini.

Mister Senigagliesi, orfano di Pezzotti, ritrovava invece in mediana Perfetti, proponendo dal primo minuto Manari nel consueto tridente offensivo.

Dopo una prima frazione molto aggressiva da parte dei padroni di casa, nella ripresa prevedibilmente scendeva il ritmo, mentre cresceva il numero delle occasioni su entrambi i fronti.

La Sangiustese, al primo vero affondo, capitalizzava con un rapace Mingiano ben imbeccato da Zannini per il vantaggio ospite.

I rossoblù, con l’ingresso di Mattia Palladini, Boschetti e Basconi salivano di tono e non subivano più, complice anche un netto calo dei locali, le continue folate di Pettrone e compagni.

Il pari arrivava però dal dischetto con un capovolgimento di fronte dopo un’azione pericolosa per gli ospiti.

A siglare l’1-1 era Varsi, in assoluto uno dei migliori dei suoi.

Il Vastogirardi inanellava complessivamente ben 10 tiri dalla bandierina, ma anche la Sangiustese si rendeva più volte pericolosa in ripartenza dalle parti di Caparro, peccando poi di esperienza e freddezza nell’ultimo passaggio che avrebbe potuto valere il clamoroso sorpasso.

Risultato giusto e divisione della posta equa contro una squadra che sicuramente di matricola ha ben poco e che darà del filo da torcere a tutte le contendenti che giungeranno in Molise per affrontarla.

 

CRONACA

 

PRIMA FRAZIONE

13’ pt: terzo angolo per il Vastogirardi, frutto di un cross pericoloso deviato.

15’ pt: rigore in movimento per Fazio con Chiodini che blocca la sfera sgusciata tra una selva di gambe.

17’ pt: bolide alto di Varsi dal limite.

20’ pt: punizione di Di Lullo, poi testa di Nespoli alta.

21’ pt: cross di Romano, non arriva l’incornata vincente di Mingiano.

31’ pt: la pressione dei molisani, specie sulla destra, frutta solo una serie di calci d’angolo

33’ pt: sugli sviluppi di un corner, testa di De Vizia e sfera oltre la traversa.

35’ pt: colpo di testa centrale di Fazio, Chiodini c’è.

42’ pt: percussione di Pettrone, chiude sul primo palo Chiodini

43’ pt: prima conclusione rossoblù ad opera di Romano dalla destra.

 

SECONDA FRAZIONE

9’ st: ottimo strappo di Proesmans, poi manca l’imbeccata vincente per Palladini.

13’ st: un cross attraversa pericoloso lo specchio della porta rossoblù

14’ st: GOL!! Zannini per Mingiano e Sangiustese in vantaggio.

22’ st: bella accelerazione di Boschetti.

23’ st: saracinesca Chiodini su Varsi.

25’ st: si allunga Chiodini su Grazioso.

26’ st: Sangiustese pericolosa in avanti con Mattia Palladini

27’ st: GOL!! Rigore per il Vastogirardi e Varsi dal dischetto fa 1-1

37’ st: conclusione di Mattia Palladini alta

42’ st: Scognamiglio dalla distanza costringe Caparro all’angolo

47’ st: Di Lullo alto poi occasione per la Sangiustese, lo stesso out.

 

 

Marta Bitti

Responsabile Comunicazione Sangiustese




Sangiustese: intervista al DG Alessandro Cossu

30/11/2019


Sangiustese: intervista al DG Alessandro Cossu

Seconda lunga trasferta consecutiva dopo la buona prestazione a Fiuggi per la Sangiustese e, come ogni venerdì, è il DG Cossu a fornire il quadro della situazione in casa rossoblù.

Un quadro a maggior ragione completo nella settimana che precede l’apertura del mercato, spesso destinato a cambiare gli scenari presenti e futuri del campionato in corso.

 

Come sarà affrontata la matricola Vastogirardi?

 

Di matricola in realtà il Vastogirardi ha ben poco. Per un anno e mezzo non ha mai perso ed ha in rosa dei giocatori di valore, che magari conosciamo meno perché provenienti dai gironi del Sud. Sarà una gara tosta, ma noi stiamo bene ed andremo ad affrontarla come tutte le partite dell’ultimo periodo. I nostri risultati sono tutti figli di prestazioni importanti. Ci manca qualcosa in termini di punti perché, per incrementare il bottino numerico, i pareggi debbono essere alternati da qualche vittoria.

 

La Sangiustese in effetti è in striscia positiva da sette turni, ma la posizione di classifica è ancora pericolosa.

 

Il nostro campionato è e sarà questo, difficile, sempre sul limitare della zona play-out. Noi di questa situazione eravamo coscienti sin dall’inizio e infatti siamo gli unici a non esserne meravigliati. A dire il vero, credevo anzi che avremmo avuto ancora maggiori difficoltà, avendo cambiato tanto soprattutto a livello di giovani e puntando su quello del territorio. Siamo comunque contenti di quello che stiamo facendo, consapevoli che sarà dura fino alla fine. Quest’anno giocheremo per mantenere la categoria senza passare dai play-out sino all’ultima giornata. Poi saremo bravissimi se dovessimo riuscire ad anticipare il traguardo di una giornata.

 

Mister Senigagliesi ha già detto di non amare particolarmente il mercato, ma inevitabilmente la prossima settimana inizieranno i primi movimenti. È previsto qualcosa?

 

Il mister è un uomo di campo, quindi è anche troppo buono. In realtà secondo me da settembre ad oggi il mercato non è mai finito. Ci sono squadre che devono assestarsi ed altre che vogliono fare campionati di vertice che infastidiscono da settembre a dicembre i giocatori delle altre realtà per poter arrivare alla fine a prenderli. Ciò comporta che in alcune partite si debba fare a meno di determinati giocatori che giocoforza hanno la mente altrove. Un atteggiamento scorretto sia in Serie D che in seconda categoria, però le cose stanno così e dobbiamo fare di necessità virtù. La prossima settimana il mercato inizierà ufficialmente e vedremo sia di cosa dovremo fare a meno, sia di come, eventualmente, risolvere questa criticità.

 

A livello di girone prevede grandi stravolgimenti?

 

Credo di sì, come tutti gli anni. Io comunque sono uno dei sostenitori del fatto che la continuità porti sempre più punti degli stravolgimenti. Ovviamente il discorso non vale per chi fino ad ora ha fatto pochissimi punti, perché in quel caso è normale che qualcosa si debba stravolgere. Invece, in altri casi, si spende e si cambia senza riuscire ad ottenere risultati. Per quanto riguarda le squadre di testa, sono convinto che qualcuno farà degli assestamenti mirati mentre altri cambieranno molto in rosa per avere alla fine sempre il punto interrogativo di aver fatto bene o male. Se sono le squadre di testa vuol dire che già sono lì, quindi ovviamente devono valutare bene dove, cosa e quanto toccare.

 

Marta Bitti
Responsabile Comunicazione Sangiustese

 



Vuoi commentare questa notizia ? Effettua il login o registrati



PUBBLICITA'

PUBBLICITA'